Le tre perle di Ron Washington - 2^ Gestire i giocatori

di Frankie Russo

segue dalla 1^

Comincia dall’interno di te stesso:

Parla a loro dal cuore. Più i giocatori sanno che ti interessi a loro, più saranno disposti ad ascoltarti per conoscere la tua visione

Lascia da parte il tuo Ego:

Concedere loro libertà il più possibile senza rinunciare alla tua Autorità, permetterà di dedicarti di più al tuo lavoro in qualità di custode della Visione di Squadra. Devi costruire un ambiente in cui tutti hanno il ruolo di Leader, dall’Esordiente al più Anziano o alla Prima Stella. Si chiama Responsabilità.

Lascia che sia ogni giocatore a scoprire il proprio destino: 

  • Come Coach o Manager non devi imporre la tua volontà ai giocatori. Devi infondere in loro la necessità di cambiare se stessi.
  • Molti giocatori sono abituati a far pensare il Coach in loro vece. Devi insegnare loro a pensare per Se Stessi in modo che saranno loro poi a prendere le Decisioni Importanti nei Momenti Difficili. Relaziona con ogni giocatore nella sua completezza spingendolo a scoprire da solo le qualità che può portare sul Campo. La Chiave è di associarli a qualcosa più grande di loro.

Gestire è ottenere dai giocatori la volontà assoluta di essere allenati, per poi offrire loro il senso del proprio destino come Squadra. Se imponi troppe restrizioni ai tuoi giocatori, essi spenderanno più tempo nel tentativo di Invertire il Sistema. Concedi loro Spazio sufficiente per dimostrarti chi sono veramente.  

 

Comprensione: E’ la Chiave per abbattere le Barriere tra le persone!

Lascia le cose semplici, sia nei Fatti che nei Pensieri.

 

Pazienza: Affronta le incertezze per come si presentano al momento.

 

Rimani nel Processo: Una parola gentile può avere un forte effetto di cambiamento sul tuo modo di relazionare, anche se trattasi del Più Duro della Squadra. Gran parte dei giocatori vive in uno Stato di Ansia nel timore di commettere un errore sciocco.

 

Spirito di Squadra: Una squadra può diventare molto forte quando ognuno dei suoi componenti mette da parte l’interesse proprio per metterlo a disposizione di un Bene più Grande. Giocare con naturale abilità permette che il Potenziale personale aiuti la Squadra e i suoi Compagni. A volte dovrai fare uso del Bastone, non puoi allenare se hai bisogno di essere piaciuto. Quando sei nel Dubbio, non fare nulla. Crea la Condizione Migliore Possibile per ottenere il Successo e poi attendi l’Esito.

 

Concentrati sul Viaggio piuttosto che sull’Obiettivo: Ciò che interessa di più è Giocare nel Modo Corretto e avere il Coraggio di Crescere come Uomo, come Giocatore, come Coach e come Manager.

In una Buona Squadra non esistono Super Star. Ci sono Bravi Giocatori che dimostrano di essere Bravi Giocatori quando sono in grado di giocare con gli altri come Squadra. Non importano i loro Salari e le loro Statistiche, interessa di più come riescono a giocare con gli altri.

 

Da Manager la cosa peggiore che puoi fare è cercare di Controllare i Giocatori. Concedi loro molto Spazio e Incoraggiali. Preparali e osservali giocare. Sentiti Libero e Rilasciato. Cose Buone accadranno.

I giocatori reagiscono al Tuo modo di essere, ciò che fai per Te stesso, lo fai per gli Altri, e ciò che fai per gli Altri lo fai per Te stesso.

 

Il tuo Stile è il tuo Stile: Perfezionalo al Meglio delle Tue Capacità. Fai tutto ciò che puoi affinché i giocatori lo accettino. Sii pronto per la Battaglia! Osserva tutto nella sua Completezza! Abbi Fiducia nei tuoi Giocatori!

 

 

(Dagli appunti di Ron Washington - Coach Convention di Bologna 2014)

 

Frankie Russo

 

Segue

 

Scrivi commento

Commenti: 0