· 

30 giugno 1959 e la partita delle due palle

Nella foto dell'epoca, il Wrigley Field di Chicago (foto tratta da cubsinsider.com
Nella foto dell'epoca, il Wrigley Field di Chicago (foto tratta da cubsinsider.com

di Paolo Castagnini

Il 30 giugno del 1959 esattamente sessantatré anni fa successe un fatto che rimase nella storia del baseball. Era una giornata calda e afosa d'estate e al Wrigley Field di Chicago, casa dei CUBS, erano ospitati i St Louis Cardinals. Le sfide tra i due team erano solitamente epiche ma quell'anno ambedue le squadre avevano raccolto ben poco. I Cubs erano a 36 vinte e 36 perse e i Cardinals a 34-38.

Era il 4° inning con  St Louis in vantaggio per 2-1 su Chicago. Sul monte di lancio per quest'ultimi il giovane Bob Anderson, contro di lui nel box di battuta per i Cardinals il mitico Stan Musial che divenne Hall Of Fame dieci anni dopo (vedi foto). Con nessun corridore sulle basi e il conteggio a casa di 3-1 (3 ball e 1 strike) il lancio successivo di Anderson sfugge al ricevitore Sammy Taylor e va a finire alla recinzione. Musial parte per la prima base convinto dei 4° ball, mentre il lanciatore e il ricevitore iniziano a discutere con l'umpire di casa base Vic Delmore sostenendo che Musial avesse toccato in foul la palla con la mazza.

Stan Musial tocca il sacchetto di prima, gira e vedendo la discussione a casa base con la palla alla recinzione si lancia verso la seconda base.

 

Nel frattempo a questo punto succede l'imprevedibile. Il bat boy raccoglie la palla alla recinzione e la consegna al leggendario annunciatore Pat Piper (a quel tempo gli annunciatori stavano nel campo)

 

Il Terza base dei Chicago Vic Dark vedendo tutta la scena si fionda da Pat Piper e si fa dare la palla, ma allo stesso tempo il ricevitore chiede al povero umpire di casa base una nuova palla che gliela consegna.

 

In questo momento ci sono due palle in campo. La prima in mano al ricevitore Taylor la spara sul sacchetto di seconda ma passa sopra la testa del seconda base, la seconda, quella originale, tirata dal terza base Dark è più precisa. Nel frattempo Stan Musial che vede passare la prima palla sopra la testa si invola verso la terza base, ma viene eliminato dall'assistenza dell'interbase dopo aver ricevuto il tiro con la palla originale del terza base.

 

Succede un finimondo. I manager fuori dalle panchine e gli umpire che non sanno più che fare. Dopo oltre 10' di discussione decretano l'out di Stan Musial con la conseguenza che i Cardinals mettono sotto protesto la partita che poi lasceranno cadere in quanto vinceranno sul campo 5-1.

 

Ancora una cosa da dire, il povero umpire Vic Delmore dopo quella gara verrà licenziato nonostante ci furono grandi raccolte di firme tra i tifosi dei CUBS per evitare il licenziamento.

 

Morale della storia, prima di discutere con l'umpire vedi bene che l'azione di gioco sia finita. 😀

 

Paolo Castagnini

 

Da sinistra gli umpire Ed Sudol, Vic Delmore,  Vinnie Smith e Augie Donatelli (Foto da National Baseball Hall of Fame)

Scrivi commento

Commenti: 0