· 

Gestire le frustrazioni

Adam Wainwright (bleacherreport.com)
Adam Wainwright (bleacherreport.com)

Adam Wainwright (bleacherreport.com)

di Frankie Russo

tratto da coachbaseballright

Coach, cosa ti aspetti dai tuoi giocatori quando le cose non vanno secondo le aspettative? In una gara tra i Cardinals e i Padres, sul monte per i Cards c’era Adam Wainwright, un lanciatore veterano alla soglia dei 40 anni. La situazione nel 4° inning era di 4-1 per St. Louis, basi cariche e un solo eliminato. Wainright stava lanciando bene, non sembrava stanco, ma qualcosa mostrava che non era comunque al meglio, e così il manager lo ha tolto dalla gara. E’ facile immaginare la frustrazione di Wainwright, qualsiasi lanciatore lo sarebbe stato al suo posto. Lui voleva rimanere, lui voleva uscire dai pasticci che egli stesso aveva creato.

Ma allora, qual è il punto? Rientrato nel dugout, si è visto Wainwright in piedi sugli scalini tifare per la squadra e per il lanciatore che lo aveva sostituito. Non si è visto un Wainwright seduto in un angolo in disparte lamentandosi per essere stato sostituito. Magari dentro di sé rimuginava il suo disappunto, ma lo ha tenuto per sé dimostrando invece, di essere un vero compagno di squadra. 

Succede spesso che giovani giocatori sostituiti in gara non sanno come reagire.  Si vedono giocatori sbattere a terra i guanti, seduti da soli nel dugout disinteressati a quanto succede in campo, non incitando i compagni. A questi giocatori va concesso qualche momento per ritrovare la loro compostezza, ma poi devono subito rientrare mentalmente a far parte della partita.

 

E il modo migliore perché questo accada, è parlare con i giocatori prima che succeda. Probabilmente prima ancora che il campionato inizi, sarebbe il caso di introdurre questo tipo di discorso. I giocatori devono sapere quali sono le tue aspettative, essi devono sapere cosa vi aspettate da loro prima che succede l’evento spiacevole. Lo stesso discorso vale per quando si sostituisce un giocatore in battuta. 

 

Quindi, come vorreste che reagisse un vostro giocatore in queste situazioni? Ai ragazzi va insegnato come reagire anche quando subiscono uno strike out e magari il lancio, dal loro punto di vista, era fuori la zona. L’arbitro ha sbagliato, come volete che reagisca il vostro giocatore? Ok, è anche lecito che il giocatore mostri la sua frustrazione. Ma è giusto sbattere a terra l’elmetto? E’ giusto lasciare la mazza e l’elmetto a casa base e permettere a un compagno di andare prenderli? E' questo ciò che veramente volete vedere dai vostri giocatori?

 

Il segreto per evitare queste incresciose situazioni sta tutto nella comunicazione e quando essa deve avvenire, certamente PRIMA che possano accadere, addirittura sarebbe consigliabile che un discorso del genere venisse introdotto prima che inizi il campionato. State certi che se i giocatori conoscono cosa vi aspettate da loro, essi non vi deluderanno. Potrà anche succedere a volte che un giocatore si faccia prendere eccessivamente dalle emozioni, dovrete imparare a gestire queste situazioni, ma è altrettanto vero che non succederà molto spesso. 

 

Frankie Russo

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0