Tenere i corridori

di Frankie Russo

da Baseball Excellence

Oggi affronteremo un argomento che raramente viene discusso, ma prima di farlo, dobbiamo entrare nell’ordine d'idea che spesso vi saranno corridori sulle basi. Dovremmo forse per questo preoccuparci eccessivamente e perdere la concentrazione? Staremo lì a tirare in continuazione in prima? Dovrà la nostra concentrazione essere indirizzata a eliminare il corridore con un pick-off o dobbiamo concentrarci a eliminare il battitore? Dobbiamo capire che avere corridori sulle basi fa parte del gioco e che non esistono molte gare perfette. Pertanto, corridori in base non è una sciagura, fa parte di quegli aspetti del gioco che un lanciatore non può controllare.  Conseguentemente, il lanciatore deve avere la capacità di non farsi distrarre eccessivamente da tale situazione.  Egli deve tenere il corridore sotto controllo, ma non per questo se ne deve fare un tormento.

Una base rubata finirà sempre in un punto segnato? Non così spesso. Un’influenza peggiore invece avranno le basi su ball, quindi, la concentrazione deve essere rivolta sul battitore. Cosa dobbiamo fare per controllare i corridori?

 

Corridore in prima.

I casi che seguono si riferiscono al lanciatore destro, il lanciatore mancino ha altre alternative. Un lanciatore non dovrebbe tirare in prima troppo spesso perché offre  troppe opportunità all’avversario di studiare le sue mosse. E poi, dopo che ha tirato per 3 volte consecutive, cosa pensate che succederà?  Esatto, il corridore ruba la seconda. Quindi, è importante tenere il corridore sulle spine, non fargli capire le nostre intenzioni e non dobbiamo essere prevedibili.

Certamente a una squadra serve un ricevitore in grado di eliminare i possibili rubatori di base, ma è compito del lanciatore aiutarlo e non far prendere troppo vantaggio al corridore. Il nostro obiettivo non deve essere di eliminare il corridore con un pick-off, bensì tenerlo vicino al sacchetto per dare la possibilità al ricevitore di eliminarlo. Il lanciatore non può evitare che corridori arrivino in base, ma può controllare il vantaggio che prende e tenerlo più vicino possibile al sacchetto.

  • L’obiettivo predominante è di concentrarsi sul battitoreLa cosa peggiore è quando si comincia a regalare le basi su ball. Il primo pensiero del lanciatore deve essere quello di lanciare subito strike e andare in vantaggio.
  • L’obiettivo seguente è di conoscere la situazione di gara. Ed è qui che subentra il coach. Egli deve conoscere le tendenze dell’avversario e la velocità del corridore e su quale conteggio generalmente tenta la rubata. Avere a disposizione queste informazioni offre maggiori possibilità di cogliere il corridore fuori base, specialmente a livello di U18 e inferiore.
  • Variare i tempi al piatto, questo è estremamente importante. Semplicemente variando i tempi del lancio a casa eviterà al corridore di leggere il suo timing. Ed è anche molto semplice, basta contare mentalmente variando di volta in volta. E’ un esercizio che si può fare anche durante le sessioni di bullpen.
  • Tenere la palla. Basta tenere la palla e non tirare. Può capitare che il corridore diventi ansioso al punto che inizierà la corsa in anticipo.
  • Togliere il piede dalla pedana (step off). E’ una tecnica che si può fare dopo aver trattenuto la palla per un po’. Basta togliere il piede a contatto della pedana e rivolgere lo sguardo verso il corridore. (Togliendo il piede dalla pedana, il lanciatore diventa un interno qualsiasi e come tale può comportarsi senza incorrere in un balk). Il coach può essere di aiuto chiamando egli stesso lo step-off se fiuta una situazione di rubata. Questo metterà in allarme il coach avversario e aiuterà il lanciatore a ricordare che vi è una situazione di rubata.
  • L'insegnamento deI vari movimenti di pick- off. Questi dovrebbero essere a discrezione del coach. 

Questo è tutto, ma ripetiamo che è importante concentrasi sul battitore, conoscere la situazione di gioco, variare i tempi di lancio al piatto, tenere la palla, step off e pick-off. Sono tutte tecniche semplici ma efficaci.

 

Corridore in seconda.

Molte delle tecniche sopra elencate potranno essere applicate anche con corridore in seconda ma con alcune eccezioni. Restano uguali la concentrazione sul battitore, conoscere la situazione della partita, variare i tempi al piatto, tenere la palla e step off.

  • Guardare dietro. Il lanciatore dovrebbe variare le volte che si volta dietro per guardare il corridore prima di lanciare a casa. Può guardare una volta e poi lanciare, può guardare, fermarsi guardare di nuovo, voltarsi due volte velocemente, qualsiasi tecnica che non permetta al corridore di prendere il suo tempo. Ovviamente questa è una tecnica che non può essere applicata con corridore in prima per evitare di commettere un balk.
  • Alzare la gamba anteriore e poi voltarsi verso il corridore (Inside move) Questa è un movimento legale e può essere effettuato senza tirare in base.  (Alcuni ritengono  che l’inside move sia una tecnica  poco efficace poiché come movimento di pick-off è troppo lento rispetto allo step off. Però è da tener presente  che l’inside move può ingannare il corridore il quale anticipa la corsa e da qui è possibile iniziare il gioco della trappola, ndt).
  • Pick-off. Questa è una tecnica che va applicata raramente e dovrebbe essere chiamata dal coach. Proprio per la sua natura di eccezionalità, è una tecnica da applicare una volta e in un momento decisivo della gara.

Corridore in terza

Regola numero 1: concentrarsi sul corridore. Regola numero 2: vedere regola numero 1. Il corridore non può andare da nessuna parte, non ruberà casa base. Quello lo faceva Jackie Robinson. Un lanciatore destro ha il corridore diritto davanti a lui, cercare di tenerlo vicino al sacchetto crea un grosso vuoto nella difesa. Eppure è qualcosa che si vede anche a livello Senior. Non bisogna mai tirare in terza, è una strategia che va completamente eliminata. Anche il fatto di far tirare il ricevitore in terza rappresenta un grosso rischio, è sufficiente guardarlo senza tirare. Se volete trovare il modo di perdere una gara,  questo è  uno. Il corridore può stare lì a saltellare, ma questo non deve distrarre il lanciatore che invece deve essere concentrato a colpire il guanto del ricevitore.

 

Con corridore in terza e meno di due eliminati,  molti lanciatori lanciano dalla posizione di caricamento frontale,  anche se sarebbe  preferibile lanciare dalla posizione fissa. Con una buona meccanica la perdita di velocità tra le due tecniche è minima.

 

Nelle giovanili è anche preferibile non insegnare a diminuire l’alzata della gamba poiché molti giovani di conseguenza accelerano il movimento di lancio. Questo generalmente causa un’anticipazione della parte superiore del corpo (rushing) e ne consegue un lancio alto e interno (RHB). Oltretutto è già abbastanza impegnativo a quell’età insegnare un tipo semplice di meccanica, figuriamoci introdurne un altro. L’alzata della gamba deve essere sempre uguale ma magari un po’ più veloce per trovarsi prima nella posizione di equilibrio e tenere il peso ancora sulla gamba di pivot. Importante è che la concentrazione sia sul battitore.

 

Errori comuni

Quanto segue è un elenco di errori comuni commessi dalla difesa con corridori in base. Più frequentemente si vedono a livello di baseball giovanile, ma si vedono anche nelle categorie superiori:

 

Errato posizionamento del prima base con corridore in prima. Se ne vedono di tutti i colori di come il prima base tiene il corridore: dalla parte esterna del sacchetto, stando a cavallo del sacchetto, sulla riga, ecc. E se ne vedono anche allungare il braccio verso il lanciatore, posizione che preclude la possibilità di muoversi con rapidità.   Un altro errore è di restare fermo sul sacchetto anche durante il lancio. Invece ci si deve spostare  rapidamente per coprire il buco tra la prima e la seconda.

 

Il lanciatore inizia dalla posizione di caricamento frontale (wind-up). In qualità di corridore, come vedete il lanciatore spostare il piede all’indietro, quello è il momento di sprintare verso la base successiva. Non esiste difesa contro la posizione di caricamento. I corridori arriveranno senza neanche scivolare.

 

Il lanciatore tira sulle basi troppe volte e a troppi corridori. Questo permette agli avversari più opportunità di leggere il movimento e causerà alla difesa una perdita di concentrazione.  E’ probabile pure che prima o poi il lanciatore sbagli il tiro o il prima base manchi la presa.

 

Il seconda base che tiene il corridore in seconda. E’ inutile. Invece è preferibile che egli assuma la corretta posizione per coprire campo.

 

Il terza base che tiene il corridore in terza! Purtroppo anche questo scempio si vede troppo spesso ed è veramente difficile capirne l’utilità.

 

Tentare di cogliere fuori base il corridore in terza. Tre cose possono succedere, e due avranno brutte conseguenze (il lanciatore sbaglia il tiro; il terza base manca la presa; in entrambi i casi il corridore segna, ndt)

 

Il ricevitore che tenta di fare un pick off sulle basi. Quante volte avete visto un ricevitore eliminare un corridore in queste situazioni? L’esito positivo è pressoché zero, quindi Il rischio non vale la candela. Lasciamo questo ai professionisti. Cerchiamo invece di applicare bene i fondamenti e vincere giocando nel modo giusto. 

 

Eccessiva apprensione ed evidenti disagi da parte dei giocatori e degli allenatori. Giocate con la convinzione di poter vincere e non con la paura di perdere.  Focalizzate a fare subito le tre eliminazioni e preparatevi ad andare in attacco per segnare punti.

Volendo, è tutto molto semplice. Imparate un paio di movimenti di pick off in prima e seconda, andate subito in vantaggio nel conteggio , concentratevi sul battitore e abbiate fiducia in voi stessi.

 

Frankie Russo

 

 

Scrivi commento

Commenti: 6
  • #1

    Roberto Cabalisti (venerdì, 30 marzo 2018 11:41)

    Come sempre ineccepibile nella tua esposizione Frankie! Leggete bene ciò che vi insegna! #Mentalcoach

  • #2

    Frankie (venerdì, 30 marzo 2018 16:38)

    Grazie Roberto, spero un giorno di avere il piacere di stringerti la mano.

  • #3

    Alberto (sabato, 31 marzo 2018 07:52)

    Complimenti rileggere ogni tanto queste cose non fa male

  • #4

    Frankie (sabato, 31 marzo 2018 13:03)

    Ecco, bravo Alberto, questo è lo spirito giusto, rinfrescare la mente fa sempre bene. Grazie per essere un follower :-)

  • #5

    Virgilio (domenica, 01 aprile 2018 19:02)

    Bravissimo Frankie ottima traduzione e disamina sei un vero coccodrillo

  • #6

    Frankie (domenica, 01 aprile 2018 23:10)

    Grazie del pesce di aprile Virgilio. Continua a seguirci che c è ancora tanta roba.