________________________________ Lanciatori: Off season - Tirare o riposare?

Nella foto Carson Fulmer con Valderbilt University vincitori delle College World Series 2014 (Peter Aiken/Getty Images)
Nella foto Carson Fulmer con Valderbilt University vincitori delle College World Series 2014 (Peter Aiken/Getty Images)

di Paolo Castagnini

Dopo aver letto le opinioni di numerosi pitcher cresciuti in Italia proseguiamo con il tema del lancio, caro a moltissimi coach. Inizia oggi infatti una nuova rubrica settimanale dedicata ai lanciatori. La rubrica, curata dal nostro infaticabile Frankie Russo, tratterà i moltissimi problemi che tutti i pitching coach devono affrontare prima, durante e dopo la stagione agonistica. Questa volta però la fonte non sarà il mondo della MLB, ma College e University Americane - forse più vicine a noi - attraverso le opinioni dei loro manager e pitching coach. Visto il periodo di off season ci sembrava la cosa migliore partire da un articolo che rispondesse ad una domanda: Durante l'inverno, usare il braccio per lanciare o meglio tenerlo a riposo? 

Buona lettura! 

di Frankie Russo

Traduzione dall'articolo su insidepitching dal titolo: Pitchers Off Season – Keep Throwing or Shut it Down? 


E’ la domanda di sempre: Durante l’off season i lanciatori devono continuare a tirare o è meglio riposare il braccio? Molte squadre professioniste programmano un periodo di riposo piuttosto lungo, anche sei settimane. Alcune squadre di college seguono lo stesso schema, mentre altre si limitano a un programma di long toss e pesi.  Altri tecnici sostengono che il braccio è tarato per un determinato carico di lavoro e quindi è il caso di non far tirare durante l’off season. Di seguito riportiamo le opinioni di alcuni coach di College. 

Tim Dixon – Air Forse Academy

Credo fermamente che è necessario ad un certo punto della stagione fare riposare il braccio, anche se non completamente. Nel mese di settembre i miei lanciatori tirano, vanno in piscina e fanno condizionamento. Se smettono completamente andrà perso tutto il duro lavoro fatto in precedenza. Poi lavoriamo sui singoli curando la forza del braccio e la forma. Durante le prime due settimane di dicembre che precedono gli esami non tirano, in modo da potersi riposare e prepararsi mentalmente agli esami. Per le vacanze di Natale avranno un programma giornaliero da seguire che consiste nel tirare, pesi e condizionamento. Il programma continua fino alla seconda metà di gennaio quando riprenderà la preparazione individuale. Il periodo più importante dell’anno è la off season. Preferiamo continuare a lavorare su ciò che abbiamo costruito invece di smettere completamente e cominciare a tirare un mese prima che cominci la nuova stagione.

Matt Myers – Western Kentuky University

Non credo che la soluzione sia esclusivamente nell’andare in una direzione o nell’altra. Quindi, penso che bisogna tener conto dei singoli individui, pur considerando che il cambiamento del calendario permette ai lanciatori un periodo di riposo. Preferisco che i lanciatori non stiano fermi durante il periodo scolastico, a meno che non siano stati molto impegnati durante l’estate o se hanno lanciato molto durante il campionato. Se iniziamo presto in autunno, riduco molto il loro carico di lavoro. Preferisco che si prendano un periodo di riposo durante le festività natalizie,  permettendo loro di recuperare, rilassarsi ed essere pronti per la primavera. Fa bene distaccarsi per un breve periodo e pensare ad altro, ma con il poco tempo a disposizione preferisco che il tempo di riposo non sia troppo lungo. So che in un certo senso può sembrare eccessivo, ma con il cambio delle stagioni che non segue più i tempi di una volta, voglio che il tempo di riposo sia limitato al minimo indispensabile.

Derek Johnson – Vanderbilt University

Credo che i lanciatori del liceo e dell’università debbano tirare finché non si presentano pericoli di infortuni. Abbiamo preso come esempio lo schema dei professionisti che si fermano per 2/3 mesi senza chiederci del perché si fermano per tanto tempo. Molti lanciatori professionisti lanciano 200+ inning e molti sono in una rotazione a cinque. I nostri ragazzi, i più bravi, lanciano al massimo 150 inning tra primavera e l’estate. I professionisti viaggiano da una parte all’altra della nazione e hanno le loro abitudini per dormire e mangiare, mentre i nostri vivono in un ambiente più controllato. Il mio punto è: Perché seguire il programma dei professionisti quando noi del liceo e college viviamo in un mondo completamente diverso? Credo che se si vuole massimizzare le prestazioni del proprio lanciatore, egli deve tirare durante la off season. Se si vuole massimizzare le sue abilità, credo ancora che debba tirare durante la off season.

Fred Corral – University of Memphis

Io sono tra quelli che credono che debbano tirare il più possibile. Noi proseguiamo con il programma di tiro durante tutto il semestre dell’off season. Almeno una volta la settimana includiamo una sessione di bull pen individuale lavorando su un determinato lancio. Tirare sempre è anche molto importante per il processo mentale, per la cura del braccio e aiuta ad evitare gli infortuni. Quando tiriamo sempre inviamo un messaggio al nostro corpo che tirare è una sopravvivenza e non un’abitudine. 

Rob Smith – Creighton University


Credo che i lanciatori debbano tirare durante tutto il corso dell’anno senza un lungo periodo di interruzione. Un troppo lungo periodo di riposo può causare tendinite presto nella stagione a altre problematiche correlate. Per quanto mi riguarda, la tesi che il braccio è tarato per un certo numero di lanci non trova riscontri. E’ possibile tirare per tutto l’anno e continuare a tenere sotto controllo l’intensità e il carico di lavoro a cui si sottopongono. Alcuni potranno sostenere che l’eccesso di affaticamento può comportare infortuni, ma io credo che nel più dei casi, essi siano causati da un errato condizionamento del braccio e da giocatori che cercano di strafare. E’ come per qualsiasi altra parte del corpo, se la prepari e la condizioni per un certo carico di lavoro, il corpo risponderà. Per il braccio vale lo stesso discorso. 

 

Garrett Quinn – Liberty University

Io sono dell’avviso che bisogna concedere ai lanciatori un lungo periodo di riposo seguito da un graduale programma di tiro prima della pre season. Questo perché i nostri lanciatori cominciano a tirare una sessione di bullpen sin dalle prime settimane di settembre. Se continuassero a tirare durante tutta la pre season, significherebbe che al tempo che si giocano le College World Series a giugno, i lanciatori avrebbero tirato interrottamente per 10 mesi. E questo potrebbe causare un affaticamento al momento meno opportuno della stagione. Durante l’ultimo mese della stagione e durante i playoff, è necessario che i lanciatori siano in grado di tirare bene e al massimo della velocità. Credo fermamente che un adeguato riposo durante la off season dia la migliore possibilità di essere in perfetta forma a campionato inoltrato.

Chad Konishi – University of Hawai

Molto dipende dall’individuo. Noi comunichiamo ai nostri lanciatori cosa vogliamo e chiediamo anche a loro cosa vogliono. Ci sono quelli che ritengono necessario prendersi un periodo di pausa, e ci sono quelli che ritengono debbano continuare a tirare.  Io sono tra quelli che preferisce concedergli un periodo di pausa.  Noi generalmente mettiamo tutti a riposo in autunno per almeno un mese. Dalle cinque alle sei settimane sarebbe l’ideale. Con il vecchio calendario sarebbe stato più difficile, ma la variazione ci permette un periodo più flessibile per la preparazione. Credo sia importante un periodo di riposo per i lanciatori che tirano molto durante la primavera e l’estate. Questo però comporta di non averli al meglio in autunno. La salute dei lanciatori è certamente più importante in primavera che in autunno. E’ successo spesso che lanciatori che avevano problemi in autunno sono poi entrati in forma in primavera, ma questo credo, deve essere comune a molti pitching coach.


Ryan Sawyers – West Virgina Wesleyan

Tirare sempre; Anche se in modo ridotto rispetto al periodo autunnale e primaverile, credo che aiuti a potenziare il braccio, o almeno a mantenerlo forte, ed è importante per la transizione nella pre season.  Da pitching coach, credo che sia importante non solo monitorare quanto tirano, ma anche l’intensità con il quale lavorano. E’ estremamente importante nella off season quando si lavora sul potenziamento del braccio.



Scrivi commento

Commenti: 0