Migliorare il controllo nei giovani lanciatori - Fattore #1 Meccanica

 

di Frankie Russo

Articolo tratto da youthpitching.com

Cy Young una volta ebbe a dire: ”Il controllo è stato l’elemento che mi ha tenuto nelle majors per 22 anni:” Infatti avere un ottimo controllo è una delle più importanti caratteristiche di un bravo lanciatore, e resta difficile sostenere il contrario. Un problema di controllo è indubbiamente un dei motivi per cui un lanciatore non dura molto, e oltretutto la mancanza di controllo e costanza sono gli elementi che vietano a molti lanciatori di salire di livello. Lanciare strike e avere il pieno controllo della zona dello strike sono i fattori che fanno la differenza tra uno che lancia e uno che tira. Un lanciatore che possiede buon controllo non solo lancia strike, ma spesso non si troverà indietro nel conteggio e raramente concederà basi su ball. 

Allenare un lanciatore a tirare strike è senza dubbio l’ingrediente fondamentale per il suo successo. Se osserviamo le statistiche della MLB, esse ci indicano che i lanciatori tirano una media dal 62 al 65% di strike (riferimento 2014), mentre la percentuale di primi lanci strike è tra il 59 e 60%. Ancora un dettaglio: Sul conteggio 0-1 la MB è 226 e OBP 268; sul conteggio 1-0 la MB è di 272 e OBP 383. Questi numeri da soli ci fanno capire l’importanza del controllo e come siano legati al successo di un lanciatore. Naturalmente non deve sorprendere che i lanciatori nelle majors abbiano un buon controllo, ma noi dobbiamo pensare anche ai nostri giovani per aiutarli a crescere. 

Possiamo senz’altro affermare che un buon controllo dipende da una buona meccanica. Seppure con un buon braccio, se il giovane accusa problemi di controllo, troppo spesso è una questione di meccanica.

 

È molto difficile avere il controllo del lancio se non c’è prima il controllo del corpo. Una volta identificato il problema, le correzioni vanno effettuate con sessioni di bullpen in modo che quando si arriva alla partita tutto avvenga in modo fluido. 

 

Per arrivare a una buona precisione, sono quattro i fattori che possono aiutare a migliorare il controllo:

 

  • L’aspetto meccanico;
  • Un buon condizionamento fisico;
  • Un buon approccio mentale;
  • Una buona visualizzazione. 

Ora, cerchiamo di analizzare nel dettaglio ognuno di questi fattori tramite 37 suggerimenti che ci potranno aiutare a risolvere il problema di controllo. Il primo e più importante è di migliorare la meccanica.

 

FATTORE # 1: L’ASPETTO MECCANICO

  1. Controllare la posizione del piede di pivot che sia allineato con la pedana. Questo può influire sul controllo orizzontale del lancio. I lanciatori dovrebbero posizionare il piede di pivot sul lato della mano di tiro, cioè i destri dovrebbero posizionarsi sul lato destro della pedana mentre per i mancini è viceversa. Se il lancio della fastball resta troppo interno sul battitore destro, allora si può effettuare una correzione spostandosi di più verso il centro della pedana. 
  2. Controllare che le spalle siano allineate in direzione del bersaglio. Se un lanciatore inizia il caricamento con il piede sul lato della pedana della mano di tiro e il passo resta troppo chiuso, è probabile che debba spostare la postura più sul lato del guanto per aiutare a posizionare le spalle in direzione del bersaglio. Molto spesso il cambiamento può risolvere i problemi di controllo. 
  3. Controllare l’equilibrio del corpo al momento dell’innalzamento della gamba. Il peso del corpo dovrebbe essere distribuito equamente sul piede di pivot al momento dell’innalzamento del ginocchio e non sul tallone.
  4. Verificare se il lanciatore rotea la parte superiore del corpo troppo in anticipo prima di terminare l’innalzamento del ginocchio che spesso causa una errata posizione di atterraggio del piede anteriore. 
  5. Verificare l’azione del braccio che non sia in completa estensione al momento del rilascio o che non finisca dietro al corpo dopo il rilascio.
  6. Verificare che al momento del rilascio il braccio non sia troppo distaccato dal corpo, o troppo alto o troppo basso.
  7. Controllare l’impugnatura della palla e il movimento del polso
  8. Verificare che il braccio sia nella giusta posizione al momento dell’atterraggio del piede anteriore.  
  9. Controllare il tempismo, nel senso che le mani si stacchino al momento in cui la gamba inizia a scendere nell’effettuare il passo. 
  10. Controllare il trasferimento del peso del corpo che non sia troppo in anticipo rispetto al braccio. Nell’effettuare il passo, l’anca anteriore dovrebbe iniziare a roteare seguendo l’innalzamento massimo del ginocchio durante il suo movimento verso casa base. 
  11. Verificare che l’azione del braccio non sia in anticipo sul corpo che comporta una apertura anticipata della spalla. Anche l’abbassamento del guanto verso il ginocchio può creare lo stesso problema e influire negativamente sull’azione del braccio di tiro.
  12. Dopo l’innalzamento massimo del ginocchio, controllare che la gamba scenda verso il basso e poi verso il bersaglio e non fuori e poi verso il basso. 
  13. Verificare la posizione del piede al momento dell’atterraggio che non sia sul tallone, che non sia troppo rigido o che sia troppo aperto o troppo chiuso. 
  14. Verificare che il passo non sia ne troppo lungo ne troppo corto o che scenda nella direzione sbagliata. Come conseguenza molto spesso questo causa l’atterraggio sul tallone oltre che impedire una meccanica fluida che comporta una mancanza di controllo. E’ importante che il piede atterri sulla linea immaginaria che parte dal centro della pedana al centro del piatto, meglio conosciuta come linea di centro. Se i lanci sono alti, è probabile che il passo sia troppo lungo; se i lanci sono bassi, è probabile che il passo sia troppo corto. I lanciatori devono avere un bersaglio ben definito ed effettuare il passo in quella direzione.
  15. Verificare se l’anca o la spalla anteriore non siano in anticipo verso casa base. Il lanciatore dovrebbe guidare con l’anca anteriore mantenendo la testa centrata con il corpo in modo da formare un triangolo al momento che il piede tocca terra. 
  16. Verificare che il lanciatore non fletta troppo la gamba posteriore e che non spinga sulla pedana causando problemi per il passo. 
  17. Verificare che il ginocchio sia ben stabile al momento dell’atterraggio. Se il ginocchio continua a spostarsi in avanti, questo generalmente crea problemi di controllo.
  18. Verificare se il braccio è troppo alto, che la testa resti in una posizione centrale rispetto al corpo e che il corpo non penda da una parte o l’altra. Il braccio troppo alto generalmente procura lanci piatti e causa problemi di controllo se il lanciatore inclina le spalle più dei 10° consigliati.
  19. Verificare che la mano di tiro non sia troppo vicino alla testa al momento dell’accelerazione.
  20. Verificare se il lanciatore ha una scarsa rotazione dell’anca e se il piede posteriore si stacca dalla pedana strisciando.
  21. Verificare che il corpo non finisca in posizione verticale, che finisca con il dorso piatto e che il braccio di tiro finisca nella giusta posizione. Una volta che la palla lascia la mano del lanciatore nulla più si può fare per cambiare la sua velocità, traiettoria o direzione. Ma una corretta posizione di chiusura indica che la meccanica è corretta, il punto di rilascio è accurato e di conseguenza aumentano le possibilità di un buon controllo.
  22. Verificare se la palla ha un movimento orizzontale a causa di una non corretta impugnatura che invece deve avere le dita sopra e dietro la palla.
  23. Verificare che la palla venga impugnata correttamente. Per la diritta a 4 cuciture, generalmente le dita devono essere distanziati dai 1,20 ai 2,00 cm di distanza, per maggiore controllo si possono allargare leggermente. Per l’impugnatura del cambio i maggiori problemi di controllo dipendono da una troppo lenta velocità del braccio, da un sollevamento delle dita troppo presto, dalla posizione troppo bassa del braccio o troppo larga. I problemi di controllo verso l’interno generalmente indicano che il braccio è troppo largo mentre la scarsa rotazione dell’anca e del tronco causano una precoce inclinazione della mano. 

 

Frankie Russo

 

Segue prossimi:

 

FATTORE # 2: UN BUON CONDIZIONAMENTO FISICO

FATTORE # 3: IL PROCESSO MENTALE

FATTORE # 4: UNA CORRETTA VISUALIZZAZIONE

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0