In quale categoria sta la tua squadra?

di Frankie Russo

tratto da

totallytigers.wordpress.com

Circolano voci che Billy Beane stia per lasciare gli Oakland Athletics in cerca di un’altra squadra. Forse qualche team potrebbero assumerlo sperando che possa finalmente fare di loro una squadra vincente. Infatti esistono squadre che sembrano non cambiare mai. Vi sono squadre che fanno sempre bene, vi sono squadre che vagano nel buio, quelle spesso coinvolte in scandali e quelle che partecipano senza nessun obiettivo.  Perché alcune organizzazioni fanno le cose sempre nel modo giusto come i Cardinals? O altre, come gli Angels, che hanno sempre qualche dirigente coinvolto in atti illegali? E altre ancora che permettono a molestie sessuali di prosperare? Quale è il loro modello? Tutto si riduce alla cultura aziendale. Riguarda la leadership, o la sua mancanza. Si tratta di coloro che vogliono veramente essere i migliori e prestare attenzione ai dettagli. Per altri, l’unico scopo sono i profitti. Si tratta di alcune squadre che sono proattive e altre che sono reattive.

I proprietari hanno un'enorme influenza nel merito. Guarda quelli come George Steinbrenner. Guarda i proprietari che vogliono intromettersi in ogni operazione costringendo i loro GM a fare mosse avventurose.   Considera anche come le squadre cambiano drasticamente, come i Baltimore Orioles, quando cambiano proprietario.  Ci sono tanti fattori che entrano in gioco. E quando si vedono squadre che vincono costantemente anno dopo anno, le altre dovrebbero prenderne atto. Ancora più importante, quando le organizzazioni sono in crisi anno dopo anno, dovrebbero guardarsi al loro interno. È l'organizzazione che non li fa crescere. Anche quando c'è un gran parlare durante la offseason, per un certo numero di squadre "nessuno ci crede fin che non si vede". Le aspettative, per alcune organizzazioni invece, sono radicate.

Adesso, cerchiamo si stabilire in quale categoria si inserisce la nostra squadra del cuore fissando 7 classi a cui meglio si adattano. Questo aiuta a meglio comprendere le loro prestazioni, specialmente quando molto spesso esse spendano molti soldi e non raggiungano i risultati sperati.

 

Non è solo una questione di quanto talento è in campo. Si tratta di quanto bene l'organizzazione funziona in generale e delle aspettative che vengono stabilite dall'alto.

 

Si prenderanno in considerazione la storia recente degli ultimi 10 anni circa, a volte anche di più. Si esaminerà il loro record di vittorie e sconfitte per ogni anno e non ristretto solo all’ultimo anno, si tratta di molto di più. Bisogna individuare quale è il loro modello.

 

Si cercherà anche di capire cosa succede dietro le quinte, comprendere quali sono i loro problemi e perché sono sempre sulle prime pagine delle testate sportive. Si prenderanno in considerazione le squadre che erano in una fase di ricostruzione e che hanno avuto degli anni brutti, ma si sono riprese bene quando la ricostruzione è stata completata. Ogni categoria avrà una definizione per meglio classificare le squadre secondo lo schema del loro modus operandi.

 

LIVELLO SUPERIORE

Queste sono squadre che entrano in campo con una cultura vincente e per essere le migliori. Sono sempre buone, se non eccezionali. Raramente hanno stagioni deludenti:

  • Astros
  • Braves
  • Cardinals
  • Dodgers
  • Giants
  • Yankees

 

STABILI

In genere sono squadre che hanno più anni buoni che cattivi. I periodi negativi sono limitati e di solito si può contare su queste squadre come costanti contendenti.

  • Blue Jays
  • Brewers
  • Cubs
  • Indians
  • Nationals

 

I ROTTAMATORI

Queste squadre fanno molto di più con molto meno. Invece di soldi, hanno i migliori cervelli nel Front Office che sviluppano tutte le idee che le altre squadre poi copiano. Il loro obiettivo non è necessariamente vincere il campionato, ma realizzare un prodotto di qualità che sia competitivo. 

  • Athletics
  • Rays

 

INSTABILI

Come la bambina con i riccioli, quando sono in ordine sono veramente belli, e quando sono in disordine sono molto brutti da vedere. Queste squadre vanno dalla vetta della classifica un anno alla parte più bassa in quello successivo. Variano in continuazione, cambiano spesso personale e hanno problemi nello spogliatoio che influiscono negativamente sulle prestazioni. Non si sa mai cosa aspettarsi da loro di anno in anno.

  • Red Sox
  • Twins

 

INCOMPRENSIBILI

Sembrano sempre essere gli ultimi a sapere cosa fare. Il loro modus operandi è obsoleto, e anche con i soldi, tendono a essere poco produttivi. Sono gli ultimi ad adottare le strategie più recenti e ad implementare nuove strategie di gioco.

  • Phillies
  • Pirates
  • Tigers (a breve potrebbe lasciare questa categoria)

 

IMPANTANATI NELLA MEDIOCRITA’

Queste squadre sono noiose e prevedibili, caratterizzate da stagioni che oscillano appena sotto o intorno a .500. Nessun grande sforzo per migliorare in modo sensibile e quando lo fanno, dura solo un anno o due.

  • Rangers
  • Reds
  • Royals
  • White Sox

 

DISFUNZIONALI

Queste squadre sembrano sempre avere un dramma. Che si tratti di proprietari intriganti che prevalgono sui loro front office, di lotte interne in tutta l'organizzazione e di critiche rivolte ai propri giocatori, anche quelli più amati. Scandali che coinvolgono molestie sessuali, droghe, uso di roba appiccicosa ai lanciatori e il costante ricambio di manager, coach e personale del Front Office. L'unica cosa che hanno in comune? Raramente hanno stagioni decenti e costantemente sottoperformano anche quando spendono molti soldi.

  • Angels
  • Diamondbacks
  • Mariners
  • Mets
  • Orioles
  • Padres
  • Rockies

 

Frankie Russo

 

 

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Michele (mercoledì, 01 dicembre 2021 17:25)

    Che interessante analisi!!! Non luoghi oscuri nelle varie considerazioni ma tutte chiare da meditare ed argomentare in futuro. Bravo Frankie ad averle presentate.