________________________________ Gabiàn, una poesia in parmigiano

E' già difficile di per sè trovare poesie in dialetto, ma quando si scovano quelle che trattano il tema a noi caro, il baseball, diventano perle che ci  legano alla nostra storia, alle nostre tradizioni, alla nostra terra. Leggi ad esempio la poesia in dialetto meneghino già qui pubblicata e scritta da TERZABASE.

Questa è una poesia in dialetto parmigiano scritta da un ex giocatore.

Il suo nome è Sergio Manghi. Provate a leggerla in originale e poi, per chi non è in grado di comprenderla appieno, la troverà più sotto in italiano. Dopo che l'avete letta in italiano tornate a leggerla in dialetto anche più volte e ogni volta sarà sempre più bella.

Buona lettura

 

Gabiàn


S’a gh’éra ’na coza ch’piazäva bombén

a me non’ Achille (par tutti Chilén),

 

L’éra dir a chi s’éra scotè dìd e man,

con l’arja furbètta: a t’ sì ’n gran gabjàn!

 

Mo co gh’entra me non’ cól poemètt ch’j ò strolghè

par stasira, a s’rà ciär cuand a v’ l’abja contè.

 

* * *

A gh’é di momént, in-t-la vitta d’un òmm,

ch’a s’ credda ’d volär, e s’ vén zo cme di pòmm.

 

A t’ sér lì a fär la covva, tutt sgàggio e legér

e ’t riva in-t-i dént tutt un ätor mestér.

 

P’r ezémpi cla volta, su cl’erba acsì béla

ch’a gh’éra in-t-al camp äd la Citadéla.

 

M’ arcord anca al pónt, un scampol äd téra

e cla bala asasén’na ch’filäva ligéra [1]

 

là in älta, picén’na.... e sedz’ an’… l’éra bél

cuand tutti a zughäv’n in-t-al San Rafaél.

 

Cazaca znevénta, la brètta bluètt,

e cme l’angiol dal Dom j éron giäld i calsètt…

 

A guärd cla balén’na ch’la rampa su in cél

batùda a cuciär, ch’al paräva un martél,

 

da ’n toch äd bozmón, al pu gros dj avarsäri,

un méz capanón [2] ch’al paräva ’n armäri.

 

Riväda su in älta la s’ férma un momént,

la brilla in-t-al sól, as férma anca al vént.

 

Po la taca a gnir zo, l’arì bélle capì,

vers cla pärta dal camp indo’ s’éra po’ mi…

 

A pära ch’l’am guärda, la fa la sivètta…

adésa at fagh vèddor, la me sirenètta!

 

A còrr par ciapärla, pu sòtta ch’a pos…

mo… corpo! A sént dj oc chi s’ me pianton adòs.

  

J én j oc dill do squädri, dal ciop di tifóz

e ’d cla fióla la fóra ch’la m’ vedda glorióz.

 

A slóngh tutt du i bras, l’é questión d’un istant…

mo la gamba la m’ tremma, a m’ tremma anca al guant.

 

Cuand a rìva la bala la pära ’na bräza

e ’l guant una fója, un fioch äd bambäza.

 

Ala primma sanfäda an la ciap gnanca mäl,

e vedd za i me compàgn fär su un méz carnväl.

 

M’imagin Matioli [3] ch’a gh’ ridda anca i znoc

e cla fjóla la fóra ch’la m’ magna con j oc.

 

Mo cla boja ’d ’na simmja an sältla zo drìtt

su coll scampol äd téra ch’ v’ ò sóra descrìtt?

 

E intant che ’l bozmón al lansäva contént

p’r al regàl insperè avù in coll momént,

 

al cél al me casca sul ciuff tutt spetnè,

e ’m guärdi d’atorna cme ’n can bastonè.

 

M’é d’avìz äd sentìr solamént de ’d lontàn

’na vóza ch’a bzja: a t’ sì ’n gran gabiàn!

 

* * *

A me non’ Achille, par dirla sincéra,

gh’ò sémpor vrù bén, e ’l pardón’ni vlontéra.

 

Mo adésa ch’a són dvintè non’ anca mi,

e indo’ gh’éra al ciuff an gh’ò gnàn pu un cavì,

 

stì sicur che a me nvód, se scotìs’l anca ’l man,

an gh’ dirò mäi ’na volta a t’ sì ’n gran gabiàn!

 

Agh dirò solamént che in-t-la vitta d’un òmm

sól chi próva a volär pól cascär zo cme ’n pòmm.

 

E intant agh dirò cme a sedz’ an’ l’éra bél

zugär tutt insemma in-t-al San Rafaél.

 

[1] Malandrina. Ligéra è un sostantivo femminile, ma “essere una ligéra” (ésor ’na ligera) vale per maschi e femmine. Ora in disuso.

[2] Il termine indicava in origine le case popolari basse e lunghe come appunto capannoni, costruite in epoca fascista in diverse periferie della città per “esportarvi” gli abitanti dei vicoli (“borghi”) poveri (e pure antiregime) del centro. Per estensione, si è finito con il chiamare “capannoni” (capanón) anche i residenti, e il termine ha poi finito per designare, più in generale, una tipologia di persone: semplici, grezze e illetterate.

[3] Vittorio Mattioli, l’allenatore.

 


Versione italiana:

(senza metrica e quasi senza rime)

 

Gabbiano


 


Se c’era una cosa che piaceva molto

a mio nonno Achille (per tutti Chilén),

 

era dire a chi s’era scottato dita e mano,

con l’aria furbetta: sei un gran gabbiano!

 

Ma cosa c’entra mio nonno col poemetto che ho inventato

per stasera, sarà chiaro quando ve l’abbia raccontato.

 

* * *

Ci sono momenti, nella vita di un uomo,

che si crede di volare, e si vien giù come un pomo.

 

Eri lì a far la coda, tutto sgargiante e leggero

e ti arriva nei denti tutta un’altra roba.

 

Per esempio, quella volta, su quell’erba così bella

che c’era nel campo della Cittadella.

 

Mi ricordo anche il punto, uno scampolo di terra

e quella palla assassina che filava malandrina

 

là in alto, piccina.... e sedici anni… era bello

quando tutti giocavamo nel san Raffaele.

 

Casacca candida, il berretto blu,

e come l’angelo del Duomo erano gialli i calzettoni…

 

Guardo quella pallina che rampa su in cielo

battuta a cucchiaio, che sembrava un martello,

 

da un pezzo di ciccione, il più grosso degli avversari,

un mezzo “capannone” che sembrava un armadio.

 

Arrivata su in alto si ferma un momento,

brilla nel sole, si ferma anche il vento.

 

Poi comincia a scendere, l’avrete già capito,

verso quella parte del campo dov’ero appunto io…

 

Sembra che mi guardi, fa la civetta…

adesso ti faccio vedere, la mia sirenetta!

 

Corro per prenderla, più sotto che posso…

ma… diamine! Sento degli occhi che mi si piantano addosso.

 

 

Sono gli occhi delle due squadre, del gruppo dei tifosi,

e di quella ragazza là fuori che mi vede glorioso.

 

Allungo tutte e due le braccia, è questione di un istante…

ma la gamba mi trema, mi trema anche il guanto.

 

Quando arriva la pallina sembra una brace,

e il guanto una foglia, un fiocco di bambagia.

 

Alla prima agguantata non la prendo neanche male,

e vedo già i miei compagni fare un mezzo carnevale.

 

Immagino Mattioli che gli ridono anche i ginocchi

e quella ragazza là fuori che mi mangia con gli occhi.

 

Ma quella boia di una scimmia non salta giù dritto

su quello scampolo di terra che ho sopra descritto?

 

E intanto che il ciccione ansimava contento

per il regalo insperato avuto in quel momento,

 

il cielo mi casca sul ciuffo tutto spettinato,

e mi guardo attorno come un cane bastonato.

 

Mi sembra di sentire soltanto da lontano

una voce che bisbiglia: sei un gran gabbiano!

 

* * *

A mio nonno Achille, per parlare sincero,

gli ho sempre voluto bene, e lo perdono volentieri.

 

Ma adesso che sono diventato nonno anch’io,

e dove c’era il ciuffo non ho neanche più un capello,

 

state sicuri che a mio nipote, dovesse scottarsi anche le mani,

non dirò mai una volta sei un gran gabbiano!

 

Gli dirò solamente che nella vita di un uomo

solo chi prova a volare può venir giù come un pomo.

 

E intanto gli dirò come a sedici anni era bello

giocare tutti assieme nel San Raffaele.

 

 Sergio Manghi

 

Questa poesia l’ho scritta per la festa dei 50 anni dalla nascita della squadra di baseball San Raffaele (1961-1968) nella quale ho esordito nel 1962 come esterno centro (l’episodio della poesia si riferisce a quell’anno), ricoprendo in seguito il ruolo di ricevitore, fino al 1966.

Poi nel 1968 e 1969 ho giocato a Trento – dove studiavo – come lanciatore. Non ero certo tagliato per quel ruolo così particolare, ma a Trento andava già bene se ci trovavamo in campo in 9, e nel paese dei ciechi, si sa, l’orbo è re… E comunque, va da sé che mi sono divertito, che è quel che conta poi davvero.

Nella foto del san Raffaele riportata sotto, del 1965, io sono il primo da destra degli accosciati.

Scrivi commento

Commenti: 3
  • #1

    Franco (mercoledì, 18 aprile 2012 09:24)

    Nonostante abbia lasciato Parma nel 1959, sono riuscito a capire la poesia in gran parte. Veramente bella, complimenti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Nel 1956, io mio fratello(che ha quattro anni più di me) ed altri amici di Parma, andavamo, in Cittadella con guanto e mazza a fare quattro lanci. Il materiale proveniva da Nettuno.

  • #2

    TERZABASE (venerdì, 20 aprile 2012 07:12)

    Bravo.Io condivido queste emozioni,che ricordano in rima e non i tempi più belli della nostra vita, che poi l'età matura li conserva come cimeli.

  • #3

    luis antonio bottarelli (mercoledì, 10 luglio 2013 04:28)

    mentre leggevo queste poessie scritte in dialetto parmigiano,e'capire che volevono dire,e' stato per me´una grande emozzione.Io sono nato a Mendoza,nell'Argentina,il mio padre era nato a Vigatto e'la mia mamma a Colecchio nella provincia di Parma.Parlo,capisco e'scrivo l´italiano,e vorrei salutare al Signore Sergio Manghi per avvermi fatto ritornare a quando ero un bambino.Mille grazzie e un salutto a tutti i parmigiani e italiani nell´mondo