_________________________________ Il Gioco creato da Babe Ruth - 2^ parte

di Frankie Russo

Traduzione dall'articolo su  sportsonearth.com dal titolo:The Game that Ruth built 

2^ parte - Leggi la 1^ parte

All’età di 19 anni Ruth si presentò allo Spring Traing degli Orioles. La maggior parte dei giocatori erano più grandi e più affermati di lui, e ironicamente lo apostrofavano come il “bambino di Dunn”.  I giornali di Baltimore, in senso di disprezzo, lo chiamavano “Babe” Ruth, ma a dispetto del soprannome, molto presto Ruth dimostrò di essere un giovane fenomeno. In una partita amichevole Ruth nel ruolo di lanciatore sconfisse per 6-4 i futuri campioni dei Philadelphia Athletics. Come battitore era facile ingannarlo perché girava sempre per la rete, ma quando colpiva, la pallina andava lontano! Detiene ancora il primato per il la distanza di un fuori campo battuto allo stadio di Fayetteville.

L’impresa gli riservò la sua prima testata sui giornali.

leggi di più 0 Commenti

________________________________ Shift e Drug test hanno contribuito alla crisi della battuta

di Frankie Russo

Traduzione dall'articolo su Detroit Frre Press dal titolo: Shifts, drug testing contributing to historic dips in hitting

Nel 1973 l’American League ha introdotto il Battitore Designato per migliorare l’attacco in un periodo in cui dominavano i lanciatori. Le medie battute si presentavano così: MB 244; MAB 311; MBB 354 per una OPS di 665. Più di quattro decadi più tardi, nella MLB si sta ripetendo un’altra crisi offensiva.

La scorsa stagione le squadre hanno segnato 4,07 punti per partita, il più basso dal 1972 e in caduta libera dai 5,14 del 2000. Le medie battuta del 2014 sono state: MB 251; OBP 314; MBB 386 per un OPS di 700.

leggi di più 0 Commenti

_________________________________ Il baseball sul grande schermo - n° 9

di Michele Dodde

9^parte

 

Le altre puntate:

8^ - 7^ - 6^- 5^ - 4^ 3^   2^ -  1^

 

Nel periodo 1951 - 1960 il numero dei film programmati fu 12: tra questi una solida accoglienza fu data ad  “Angels in the Outfield” (1951)  una garbatissima favola-commedia americana prodotta e diretta da Clarence Brown ed interpretata da Paul Douglas e Janeth Leigh.

Il film si basa su una novella di Richard Conlin che narra come alcuni angeli, che decidono di aiutare i giocatori della franchigia Pittsburgh Pirates, trasformino le prestazione degli stessi da mezze calzette com’erano a puri ed imbattibili fenomeni.

Si evincerà allora un divertente gioco tra le parti con situazioni paradossali di chiara sintesi.

leggi di più 0 Commenti

________________________________ Valutare la prestazione del lanciatore

di Frankie Russo

Traduzione dall'articolo su  Insidepitching dal titolo: Evaluating Post Game Peformance

By Ryan Fecteau – Bryant University

Credo che per avere un lanciatore di successo sia necessario esaminare e valutare la loro prestazione. Analizzare la prestazione e registrare i risultati di ogni singolo lancio, permette di scoprire le attitudini ed identificare i punti di forza e i punti deboli di ognuno. Esistono vari chart per valutare le prestazioni del lanciatore.

leggi di più 4 Commenti

________________________________ Una stella Cubana di prima grandezza si offre per l'Italia

Nella foto Antonio Jiménez Ruíz
Nella foto Antonio Jiménez Ruíz

di Paolo Castagnini

Raramente dedico la prima pagina ad un annuncio per giocare o allenare in Italia, ma questa volta faccio uno strappo alla regola perché ne vale la pena.

Antonio Jiménez è un pitching coach di grande esperienza e si propone alle squadre italiane per il prossimo campionato. Il suo curriculum è di quelli che pesano.

E' stato una stella di prima grandezza nei primi anni settanta. Nel 1970 e 1971 ha ottenuto un record di 14 vittorie e 1 sconfitta giocando per l'Industriales dell'Havana ed è stato nominato sia Miglior Lanciatore che MVP della Serie Nazionale. Nel 1971 con la Nazionale Cubana ha vinto l'oro al Mondiale con 2-0 e 0.51 di pgl. Stessa cosa nel 1973 con un record di 2-0 e 0.00 di pgl. 

leggi di più 0 Commenti

_________________________________ Il Gioco creato da Babe Ruth

Babe Ruth con i Red Sox (Getty Images)
Babe Ruth con i Red Sox (Getty Images)

di Frankie Russo

Traduzione dall'articolo su  sportsonearth.com dal titolo: The Game that Ruth built

1^ parte

Ted Williams è considerato il più grande battitore di tutti i tempi. Willie Mays è considerato il più grande “completo giocatore” di tutti i tempi. Ma chi ha dato un vero impatto sul gioco, chi lo ha reso veramente famoso è stato George Herman Ruth detto Babe, il Bambino.

Il baseball inizialmente era un gioco che prediligeva la difesa più dell’attacco, quindi Ruth, che aveva talento da vendere, iniziò come lanciatore. Quando in seguito  le sue prestazioni in battuta divennero irrinunciabili, fu spostato nella posizione di esterno per meglio sfruttare le sue doti di grande battitore. Fu la trasformazione del baseball da gioco basato prettamente sulla difesa in un gioco prettamente basato sull’attacco. 

leggi di più 0 Commenti

________________________________ New: La MLB interviene sui tempi morti

Nella foto Mike Scioscia (Brad Mangin/MLB Photos via Getty Images)
Nella foto Mike Scioscia (Brad Mangin/MLB Photos via Getty Images)

di Frankie Russo

Traduzione dall'articolo su  ESPN dal titolo: MLB pace-of-play rules on tap for '15

Oggi MLB annuncerà tre significative innovazioni per ridurre i tempi morti.

La prima obbligherà i manager a rimanere nel dugout durante le contestazioni inerenti l’instant replay.

La seconda i battitori dovranno tenere almeno un piede nel box durante il turno

La terza dovranno essere pronti per il gioco appena terminate le pubblicità televisive.

E’ quanto viene riportato da Fox Sport da fonti sconosciute.

leggi di più 0 Commenti

_________________________________ Il valore del lanciatore mancino

Nella foto Jeremy Affeldt uno dei lanciatori protagonisti delle World Series
Nella foto Jeremy Affeldt uno dei lanciatori protagonisti delle World Series

di Frankie Russo

Traduzione dall'articolo su  Insidepitching dal titolo:Why Left Handed Pitching is so Valuable

By Mike Orchard – Central Arizona College

Sicuramente vi sarà capitato di perdere una partita durante lo scorso campionato e vi siete chiesti come avete fatto a perdere contro quel determinato lanciatore. Probabilmente la risposta sta nel fatto che quel giovanotto mancino non mostrava  nulla di straordinario, almeno apparentemente. E allora, perché i mancini hanno più valore rispetto ai destri? Perché c’è qualcosa di intrinseco nei mancini, e chiaramente i lanciatori mancini avranno sempre un rapporto particolare con i propri coach, a qualsiasi livello. Rispetto alla popolazione mondiale i mancini sono circa il 10%, ma oggi, nella  “40 man roster” delle squadre di MLB, i lanciatori mancini rappresentano il 22%.

leggi di più 2 Commenti

________________________________ La coach Convention Americana

Nella foto Ned Yost manager dei Royals
Nella foto Ned Yost manager dei Royals

di Frankie Russo

Traduzione dall'articolo su  Mlb.com dal titolo:

Manfred, Yost speak to game's future at coaches convention

Lo scorso mese di gennaio si è tenuto in Orlando, Florida, l’ABCA Convention (American Baseball Coach Association) in cui ospiti d’onore erano Rob Manfred,  neo eletto commissario MLB, e Ned Yost,  manager dei Kansas City Royals reduci dalle finali delle World Series.  Di fronte a una platea di circa 300 persone, Manfred ha ribadito il suo obiettivo di avvicinare più persone possibile al mondo del baseball, mentre Yost ha ricordato i suoi inizi e come è arrivato ad essere il manager di una squadra che ha disputato le finali della Classica Autunnale.

leggi di più 0 Commenti

________________________________ Le stranezze della postseason 2014 - 3^ parte

Nella foto Clayton Kershaw
Nella foto Clayton Kershaw

di Frankie Russo

Traduzione dall'articolo su  ESPN dal titolo: Strange but true postseason feats

Leggi la 1^ parte

Leggi la 2^ parte

Le vere stranezze che tormentano  il vincitore del Trofeo Cy Young della NL

Vi garantisco, ottobre può diventare veramente un mese bizzarro.  Appena tre giorni dopo la wild-card dell’AL, tra i Cardinals e i Dodgers è stata disputata una gara terminata con il punteggio 10-9, una gara iniziata da Clayton Kershaw e Adam Wainwright, altri due assi. Nulla di che meravigliarsi, anche questo rientra nelle folli e bislacche prestazioni ottobrine di Clayton Kershaw.

leggi di più 0 Commenti

_________________________________ Il baseball sul grande schermo - n° 8

di Michele Dodde

8^parte

Le altre puntate:

7^6^-  5^ - 4^ 3^  2^ 1^

Il periodo 1941 – 1950, che vede apparire nei film attori che diventeranno delle icone nel mondo della celluloide, annovera 14 film di cui quattro sono rimasti nella storia e nell’immaginario comune:  “The Pride of the Yankees” (1942), tradotto in italiano come “l’Idolo delle Folle”, è la sincera ed amata testimonianza che il cinema, sotto la regia di Sam Wood, tributa all’indimenticabile Iron Man, quel Lou Gahring che per 2130 gare consecutive, a partire dal 2 giugno 1925 quando inaspettatamente sostituì in prima base Wally Pipp, riuscì a conquistare il cuore dei tifosi e la stima degli avversari. 

E’ nota la sua storia sintetizzata al meglio in 128 minuti scenografati da Jo Swerling e Herman Mankiewicz con un finale che non può non commuovere e ancor di più in quanto vero: “….ma oggi mi considero l’uomo più fortunato sulla faccia della terra” concluse il 4 luglio 1939 dinnanzi agli spettatori presenti allo Yankees Stadium. E ne fu toccata l’intera nazione americana. 

leggi di più 0 Commenti

________________________________ L'approccio mentale del lanciatore

di Frankie Russo

Traduzione dall'articolo su  Insidepitching dal titolo: Teaching the Mental Game

By Jon Dudycha – Colorado Christian College

Cosa vogliamo veramente individuare quando andiamo alla ricerca di un lanciatore per rafforzare il nostro roster? Questa è una domanda che tutti noi coach ci dobbiamo porre quando ci mettiamo a tavolino con carta e penna in mano. L’aspetto mentale del lanciatore va individuato già dalle giovanili (allievi, cadetti, ndr) cercando di individuare il carattere e la famiglia di provenienza. Io sono il pitching coach a Augsburg, iscritto alla lll divisione NCAA college. Le nostre finanze non ci permettono di ingaggiare talenti  primari, quindi andiamo alla ricerca di giocatori che si sforzino più degli altri per raggiungere il loro obiettivo.  

leggi di più 0 Commenti

________________________________ Nadia Ballarin firma per il Northeast Texas Community College

Nella foto, la cerimonia della firma al College con a fianco gli attuali allenatori della High School
Nella foto, la cerimonia della firma al College con a fianco gli attuali allenatori della High School

di Paolo Castagnini

E' notizia di questi giorni che Nadia Ballarin l'atleta dello Staranzano ha firmato con un Junior College del Texas.

Nadia, che sicuramente ricorderete negli altri articoli apparsi qui nel sito, è una delle 14 tra ragazze e ragazzi che Baseball On The Road ha aiutato nel coronare il sogno di studiare e giocare negli Stati Uniti. Come consuetudine ci piace seguire la strada di questi giovani che hanno fatto la scelta così impegnativa di vivere il loro desiderio accompagnati dal sostegno delle loro famiglie.

Ecco la nuova intervista a Nadia Ballarin

 

leggi di più 0 Commenti

_________________________________ Il rumore della mazza, il volo della pallina, il sole sul cappello, la chiamata arbitrale....

di Paolo Castagnini

English version

Quella che vi voglio proporre oggi è una lettera trovata casualmente sul web. Racconta un'altra verità sul mondo professionistico. Ho ritenuto possa essere di aiuto ai tanti giovani che sognano di arrivare alla Major League, non per scoraggiarli, ma per guardarsi dentro e capire se realmente è quello che desiderano e se sono pronti a provarci. Racconta la storia personale di un prospetto pieno di talento che oggi a 37 anni si guarda allo specchio e si chiede se ne valeva la pena.  No, è la sua risposta, ma non è un invito a rinunciare all'opportunità, ma piuttosto di guardarsi dentro e capire se la nostra mente e la nostra emotività è pronta ad affrontare un mondo durissimo; quello del baseball professionale. Credo che tutti i giovani debbano coltivare un sogno, ma è necessario anche che sappiano quale è il prezzo da pagare e soprattutto se quelle monete sono in loro possesso. Ringrazio come sempre Frankie Russo per l'accurata traduzione.

leggi di più 1 Commenti

_________________________________ La battaglia di Anthony Rizzo

Antony Rizzo in battuta con la casacca dei Cubs (Tasos Katopodis/Getty Images North America)
Antony Rizzo in battuta con la casacca dei Cubs (Tasos Katopodis/Getty Images North America)

di Paolo Castagnini

In questi giorni ha destato particolare emozione la storia di Niccolò Biscontri che con coraggio assieme alla sua ragazza, ai suoi amici e ai suoi famigliari ha deciso di affrontare a testa alta la sua malattia diventando nello stesso tempo testimonial dell'Associazione donatori midollo osseo. C'è un altro atleta italiano che ha combattuto e vinto la sua battaglia contro la malattia. Il suo nome è Nicolò Dalla Casa, ha 17 anni e gioca negli Alligators Ravenna. Nicolò ha combattuto la sua battaglia e l'ha vinta ed ora pensa al suo ritorno sul diamante.

leggi di più 2 Commenti

________________________________ Le stranezze della postseason 2014 - 2^ parte

I Kansas City Royals dopo la vittoria alla Wild Card (DILIP VISHWANAT, GETTY IMAGES)
I Kansas City Royals dopo la vittoria alla Wild Card (DILIP VISHWANAT, GETTY IMAGES)

di Frankie Russo

Traduzione dall'articolo su  ESPN dal titolo: Strange but true postseason feats


Leggi la 1^ parte


I veri strani Campioni dell’American Central


E’ incredibile quando si pensa che questi sorprendenti Kansas City Royals non hanno vinto le World Series nonostante…..

 


leggi di più 0 Commenti

_________________________________ Il baseball sul grande schermo - n° 7

di Michele Dodde

7^parte

Le altre puntate:

6^-  5^ - 4^ 3^  2^ 1^

Il cinema muto dunque fece man bassa sull’utilizzo di giocatori allora già icone nelle figurine sia per attirare maggiormente gli spettatori sia per risparmiare nella sceneggiatura. Tra i tanti sono apparsi sullo schermo anche Hal Chase, Frank Change, Frank “Home Run” Baker, , Christy Mathewson, John McGraw, Ty Cobb. Il sonoro invece, più tecnicamente dotato, richiedeva una recitazione ed una voce ben studiata e pertanto diminuì considerevolmente la loro presenza sugli schermi.

Nel decennio successivo infatti, ovvero dal 1931 al 1940, il sonoro guidò scelte e tematiche differenti per cui al baseball restò solo la programmazione di 18 film ma tutti di pregevole fattura. Tra essi il primo noir inerente il mondo del baseball, ovvero “Death on the Diamond” (1934) tratto da un racconto di Cortland Fitzsimmons laddove il lanciatore Larry Kelly ( in arte Robert Young) si trova coinvolto e quindi ad indagare su chi cerca di uccidere i membri della sua squadra, i St. Louis Cardinals.

leggi di più 0 Commenti

________________________________ Niccolò chiede aiuto

Nella foto Niccolò Biscontri
Nella foto Niccolò Biscontri

di Paolo Castagnini

Niccolò Biscontri 23 anni è un giocatore del Jolly Roger Castiglione ed ex giocatore del Parma.

A Novembre gli è stato diagnosticato un linfoma, ma anziché chiudersi in se stesso ha pensato di chiedere aiuto a tutti. Forse i primi che lo possono aiutare sono proprio gli amici del batti e corri.

Da un'idea della sua ragazza, assieme ad alcuni amici e famigliari ha girato un video che racconta che cos'è questa malattia e cosa serve per combatterla e quindi per tornare a giocare in campo.

 

leggi di più 0 Commenti

________________________________ Infielder: Qualche esercizio

di Paolo Castagnini

Terzo e ultimo filmato sui fondamentali degli interni.

In questo breve video Federico dimostra alcuni esercizi che si possono fare per migliorare la presa di una rimbalzante.

Ci sarebbero moltissimi altri esercizi da dimostrare, ma abbiamo scelto questi perché forse sono tra i più importanti.

Come viene sempre detto il segreto è ripetere, ripetere, ripetere. Gli esercizi nel video sono indicati a tutti.

Anche questo filmato è stato girato a Verona durante le vacanze Natalizie di Federico.

leggi di più 0 Commenti

________________________________ Chi chiama i lanci?

di Frankie Russo

Traduzione dall'articolo su  Insidepitching dal titolo: 

Components of Calling a Game

Di Brandon Tormoehlen della Bellarmine University

I lanci devono essere chiamati dal ricevitore o dalla panchina? E’ una domanda alla quale ogni pitching coach o capo allenatore deve dare una risposta. Ci sono coach che preferiscono controllare loro stessi la gara, ci sono coach che preferiscono insegnare ai loro ricevitori come chiamare i lanci, per altri è semplicemente un modo per essere coinvolti di più nella gara.  Questo articolo affronterà alcuni aspetti che riguardano la chiamata dei lanci nel corso di una partita. Saranno presi in considerazione lo scouting della squadra avversaria, il giro di mazza degli avversari, la varietà  di lanci dei i lanciatori, ed altro ancora.

leggi di più 0 Commenti

_________________________________ Il lavoro del pitching coach

Nella foto il pitching coach Jeff Jones (Photo by Duane Burleson/Getty Images)
Nella foto il pitching coach Jeff Jones (Photo by Duane Burleson/Getty Images)

di Frankie Russo

Traduzione dall'articolo su  Detroit Free Press dal titolo: Windsor: Jones helps Tigers pitchers by talking first

A settembre BOTR ha pubblicato unintervista a Greg Walker, all’epoca Hitting Coach degli Atlanta Braves. Walker spiegava a 360° i vari compiti ai quali deve adempiere in campo e in particolare fuori dal campo, come far diventare consistente ciò che non è consistente.

Oggi, invece, vogliamo riportare un articolo in cui Jeff Jones, pitching coach dei Detroit Tigers, spiega come organizza il programma con i suoi lanciatori, principalmente nella preseason e poi durante la stagione, e come interagisce con i nuovi arrivati. Da rimarcare che Jones, o Jonesy come lo chiamano affettuosamente i suoi giocatori, ha potuto disporre forse della migliore rotazione per gli ultimi anni, compresi i vincitori degli ultimi tre Cy Young Awards, Verlander, Scherzer e Price.

Interessante sottolineare come Jonesy comunica e si confronta con i suoi giocatori, mettendo da parte il suo EGO, come più volte rimarcato anche da Ron Washington nella ultima Coach Convention tenutasi a Bologna.

leggi di più 0 Commenti

________________________________ Le stranezze della postseason 2014 - 1^ parte

Nell'immagine il pitcher dei Dodgers Klayton Kershaw (Foto da aol.com)
Nell'immagine il pitcher dei Dodgers Klayton Kershaw (Foto da aol.com)

di Frankie Russo

Traduzione dall'articolo su  ESPN dal titolo: Strange but true postseason feats

Veramente pensate che sia andato tutto liscio nel corso della  Postseason 2014?

I Dodgers hanno segnato nove punti in una partita lanciata da Kershaw…e hanno perso. Gli A’s hanno segnato otto punti in una partita lanciata da Jon Lester…e hanno perso. La squadra che ha vinto le World Series non ha battuto un fuoricampo per due settimane. La squadra che ha perso le World Series non ha perso una partita nel corso di quattro settimane.

Queste, ed altre stranezze sono veramente successe nella Postseason 2014.

leggi di più 0 Commenti

_________________________________ Il baseball sul grande schermo - n° 6

di Michele Dodde

6^ parte

5^ parte 4^ parte 

3^ parte 2^ parte 

1^ parte


Dal 1921 al 1930 i film furono 30 ma l’avvento del sonoro dette una scossa elettrizzante all’intero mondo in celluloide. Si passa dalla tenebrosa storia di “ The Battling Orioles” (1924) prodotto dalla Associated Exhibitors Pathe su sei bobine, diretto da Ted Wilde e Fred Guiol ed interpretato da Glenn Tryon, Blanche Mehaffey e John Prince dove gli anziani giocatori della squadra degli Orioles, campioni nel 1874, si adoperano per aiutare il figlio di un loro compagno di squadra morto in tragiche circostanze  al sonoro “Clancey at the Bat” (1929) prodotto dalla Mack Sennet e diretto da Earle Rodney in 22 minuti di proiezione destinati a divenire pietra miliare. 

leggi di più 0 Commenti

________________________________ Prossime innovazioni in MLB?

Il 29 Agosto al Petco Park di San Diego al 12° inning nella partita Dodgers Vs Padres con Abraham Almonte in battuta, questa era la difesa Dodgers
Il 29 Agosto al Petco Park di San Diego al 12° inning nella partita Dodgers Vs Padres con Abraham Almonte in battuta, questa era la difesa Dodgers

di Frankie Russo

Con l’avvento di Rob Manfred al posto di Bud Selig, il nuovo Commissario sembra intenzionato a lasciare una sua  impronta nel gioco del baseball.

Manfred ha già dichiarato che è disponibile a trattare sull’eliminazione degli shift difensivi ed è convinto che limitare il tempo tra un lancio e l’altro è ormai inevitabile. Vediamo i 6 cambiamenti che onorevoli scrittori sportivi ritengono dovrebbero essere in testa alla lista del neo-eletto Commissario:

leggi di più 4 Commenti

________________________________ Infielder: Palla corta - Doppio - Out toccata

Federico Castagnini con la casacca di Aberdeen Ironbirds nella raccolta di una palla corta
Federico Castagnini con la casacca di Aberdeen Ironbirds nella raccolta di una palla corta

di Paolo Castagnini

Secondo filmato tecnico con Federico che dimostra le fasi della raccolta di una palla corta, il passaggio della palla per un doppio gioco, come girare un doppio gioco ed infine come effettuare l'out su toccata.

Il video come il precedente (La raccolta di una rimbalzante) è stato girato in un campetto in sintetico della periferia di Verona ai primi di Gennaio.

Raccogliere una rimbalzante e tirare in corsa per l'out non è sicuramente un gioco semplice, ma allenando il gesto giornalmente si ottengono dei buoni risultati. Non aver paura che i giovani provino il tiro in corsa. Questo è un gesto che chi possiede una buona coordinazione di base è in grado di fare senza tanti problemi. I problemi casomai vengono in seguito quando in partita accade un bunt a sorpresa o una battuta colpita male e i nostri interni sono impreparati.

leggi di più 6 Commenti

________________________________ La demenziale Assassination Classroom

di Michele Dodde


Dovrei svelare la mia età forse per far capire il perché non sono d’accordo con il contenuto di Assassination Classroom, manga bimestrale edito da Planet Manga della Panini Comics. Il fatto è che la mia generazione è vissuta, come si dice a Roma, a pizza e fichi, ovvero nella più banale genuinità dove era facile apprendere il bene ed i limiti del male. Per non parlare poi delle spruzzate di filosofia dell’est unus quisque faber.


Dunque mentalmente non posso condividere né il cartaceo trailer della pubblicazione quando recita: “Geniale, irriverente, provocatoria la storia dell’unica classe al mondo in cui si apprende l’arte… di uccidere!” con relativa ricompensa, in caso di successo, di dieci miliardi di Yen, né la complessa sceneggiatura e realizzazione della stessa da parte del giovane cartoonist manga Yusei Matsui.

leggi di più 0 Commenti

 

 

Altri articoli...