Yogi Berra, l'aforismo del giorno - 12

di Frankie Russo tratto da ESPN

Precedenti: 1 - 2  - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11

I buoni lanciatori fermano sempre i buoni battitori, e viceversa

La crescente fama di Berra per la notorietà dei suoi "Yogi-ismi" - come vengono talvolta chiamati le sue frasi umoristiche - sembra essere iniziata, secondo alcune fonti, nel 1947. In quell'anno, gli Yankees erano venuti a giocare una partita nella città natale di Berra, St. Louis, e per l'occasione la città decise di onorare il ragazzo della sua città natale. Nervoso per quello che avrebbe detto durante la cerimonia pre-partita, Yogi chiese a uno dei suoi compagni di squadra di redigere alcune brevi osservazioni di apertura, che includevano la frase: "Voglio ringraziare tutte le persone che hanno reso possibile questa giornata". Ma come ricordò Yogi, quando si alzò per parlare al microfono, affermò invece: "Voglio 'ringraziare tutti qui per aver reso necessaria questa notte". Quello fu l'inizio delle contorte profondità di Yogi. 

Altre perle di saggezza:

  • Nel baseball non sai mai nulla
  • Batte da entrambe le parti del piatto: è anfibio 
  • Giocare in terza non è male se non ti battono niente
  • Nel golf l’80% delle palle che non raggiungono la buca non vi entrano
  • Taci e parla!

Frankie Russo

 

Fine

 

N.d.r. Nell'immagine una delle tante campagne pubblicitarie a cui si prestò Yogi. Questa in particolare sulla rivista Diamond Chemicals pubblicizza la pelle come capo di abbigliamento  e diceva "Yogi ha molto a che fare con la pelle. La indossa, prende la palla che  poi tiene e anche la autografa." Da notare la giovane mamma e il suo ragazzo sono vestiti con abbigliamento di pelle.

Scrivi commento

Commenti: 0