Quando meno te lo aspetti

di Maria Cristina Minghelli

Capita, nella vita, di trovarsi in momenti di stanchezza, tutti i giorni trascorrono uguali, magari piccoli problemi contribuiscono ad abbassare l’umore, o grandi preoccupazioni al di fuori della nostra portata ci fanno sentire ancora più stanchi, demotivati, privi di reazione.  Poi una piccola cosa, quando meno te lo aspetti, un apprezzamento e una richiesta di fare qualcosa di diverso, che ti porta al di fuori di quel “quotidiano” che ti schiaccia, ti rinfrancano e danno nuovi stimoli. Riparti con più slancio e carica: non sai di certo se farai bene e non hai la certezza del risultato, ma sai che puoi fare anche altro e che la tua vita non è solo il tran tran quotidiano.

Capita, nel baseball, che ti trovi a giocare una partita fiacca, perdi e non sai reagire, e i tuoi sentimenti sono quelli della tua squadra che non trova la chiave per risollevarsi.

 

Capita, da spettatore di baseball, che ti trovi a vedere questa partita fiacca e ti domandi perché mai impieghi il tuo tempo a seguire questo sport lento, perché questi giocatori non ce la mettono tutta per risollevare le sorti di un incontro così brutto.

 

Poi, all’improvviso, magari non stai neppure guardando, senti un “toc” che ti fa alzare la testa. Pensi “questa è valida di sicuro” e senti che l’aria è cambiata. La squadra prende vigore, il tifo si anima, non si sa se vinceremo ma di certo ce la metteremo tutta.

 

Capita, nel baseball e nella vita, di non correre sempre come forsennati, ma di attendere quel “toc” che ti sorprende.

 

Maria Cristina Minghelli

 

Scrivi commento

Commenti: 0