Dodici inning in perfect game più uno per la sconfitta

di Frankie Russo tratto da ESPN

Trentasei battitori incontrati, trentasei battitori eliminati. È una delle prestazioni più straordinarie nella storia del baseball, non c'è mai stato nulla di simile. È stata anche una delle prestazioni più deludenti perché Harvey Haddix non ha portato a termine una gara perfetta, né una no-hitter, ma la partita è finita con una sconfitta per 1-0 in 13 inning.  Per 12 riprese Haddix aveva eliminato tutti i battitori dei Milwaukee Braves uno dopo l’altro, un line-up che includeva Hank Aaron e Eddie Mathews. Ma il punteggio era ancora in parità. Haddix e Pedro Martinez sono gli unici ad aver lanciato una gara perfetta fino agli extra inning. Nel 1995 Pedro, allora con Montreal, aveva concesso un singolo all'inizio del decimo inning in una notte a San Diego, e fu immediatamente sostituito. Gli Expos vinsero per 1-0. Nella sua gara, Haddix è stato lasciato sul monte. Oltre alla prodezza di Pedro Martinez, aveva messo kappa ulteriori otto avversari, era stato efficiente e preciso con una semplicità unica.

Bill Mazeroski (ndt vi ricordate il fuoricampo dimenticato di Bing Crosby?) ebbe a dire che fu una delle migliori prestazioni di sempre, una cosa incredibile.  Non si riusciva a credere a ciò che stava veramente accadendo. Era strano, poche palle battute a terra, nessuna presa fu difficile, una sola linea battuta forte sull’interbase, tutto il resto fu routine. Era semplicemente pazzesco, Harvey faceva sembrare tutto così facile. Tutti sapevano che si stava scrivendo la storia. 

 

Haddix restava calmo sia sul monte che nel dugout. Harvey voleva scambiare due parole con i compagni tra un inning e l’altro, ma nessuno gli dava retta, nessuno gli rivolgeva la parola, tutti volevano rispettare la scaramanzia. 

 

Il 13° inizia con un errore del terza base Don Hoak che permette a Felix Mantilla di raggiungere la prima ponendo fine alla gara perfetta. 

 

Mathews che ha terminato la carriera con 512 HR con un sacrificio porta Mantilla in seconda, solo uno dei suoi 36 sacrifici in carriera.

 

A Hank Aaron viene concessa la base intenzionale. 

 

Joe Adcock pone fine alla no-hitter con un fuoricampo, ma tra la seconda e la terza base Aaron interrompe la sua corsa sulle basi e va ad abbracciare i compagni mentre Adcock continua la sua passeggiata e tecnicamente sorpassa Aaron. Quindi Aaron è dichiarato eliminato e l’HR di Adcock viene trasformato in un doppio. Ma il punto di Mantilla fu sufficiente per vincere la partita e dare ad Haddix la sconfitta forse più crudele nella storia del baseball.

 

Negli spogliatoi l’atmosfera era di tristezza ed immensa delusione - regnava il silenzio più assoluto - l’unico rumore fu lo stappo di qualche bottiglia di birra.  Poi, dopo circa 15/20 minuti, tutti capirono che avrebbero dovuto congratularsi con Harvey Haddix, che aveva fatto qualcosa che non era mai stato fatto prima.

 

Fu semplicemente fantastico!

 

Haddix invece non la prese molto bene. Dopo la partita volle tornare in albergo a piedi, da solo, vagando per le strade di Milwaukee e riflettendo su un pezzo di storia che non sarebbe mai più stata scritta. 

 

Frankie Russo

 

Scrivi commento

Commenti: 0