MLB: Cosa ricorderemo del 2019 - 1^ parte

di Frankie Russo tratto da ESPN.com

Da una prospettiva degli americani, due cose principali si ricordano del 1919: il trasferimento di Babe Ruth dai Red Sox agli Yankees, e lo scandalo dei Black Sox.  La cosa interessante di questi due eventi è che il tifoso meno informato ne è venuto a conoscenza solo in un secondo momento. Lo scambio di Babe Ruth fu reso noto solo dopo la prima settimana del 1920 e l’investigazione delle 1919 World Series ebbe inizio nel settembre 1920.  Quindi anche gli eventi che tratteremo oggi non saranno gli unici ad essere ricordati nei prossimi 20 anni. Tanto per fare un esempio, il trucco degli Astros per rubare i segnali all’avversario con l’uso della tecnologia durante le World Series 2017, è venuto a conoscenza dei media solo due anni dopo. Gli eventi che ricorderemo oggi verranno suddivisi in sette categorie con alcuni riferimenti anche al passato.

Categoria 1 – L’incredibile evento caratterizzato generalmente da un singolo numero o concetto.        

Quando nella seconda metà degli anni 90 e primi del 2000 furono battuti un gran numero di fuoricampo, molti furono i record stabiliti dai singoli giocatori. Invece la potenza delle battute emersa quest’anno non ha permesso al singolo giocatore di demolire i precedenti standard offensivi.  Si è arrivati anche alla conclusione che non vedremo più nessuno rubare 100 basi, o battere 400, o nessun lanciatore stabilire nuovi record dopo che sono stati battuti i molti HR con tanta facilità. Quindi, mentre Christian Yelich ha avuto un anno strabiliante, Mike Trout ha stabilito il suo personale record per potenza in battuta e Gerritt Cole ha stabilito il nuovo record di strikeout per 9 inning, difficilmente uno di questi eventi passerà alla storia. Al contrario, ciò che verrà più ricordato saranno:

 

  • I 53 HR battuti da Pete Alonso stabilendo il nuovo record per rookie superando quello di Aaron Judge conquistato solo due anni fa.  La differenza consiste nel fatto che Judge quell’anno conquistò le prime pagine dei quotidiani sportivi, Alonso no.
  • Le prestazioni nella postseason di Stephen Strasburg eguagliando il record di 5 vittorie con 47 strikeout e solo 4 basi su ball concesse.

Certo, non può essere paragonato in assoluto con le prestazioni di Madison Bumgarner nel 2014 per il solo fatto che Strasburg non ha lanciato nella più importante Gara 7, ma è anche più probabile che la sua carriera sarà ricordata dalle future generazioni più di quella di MadBum. 

  • L’introduzione nella Hall Of Fame di Mariano Rivera ottenuta con l’unanimità dei voti. Il caso di Rivera è il primo dopo diversi decenni ma non possiamo escludere che sarà l’unico.

 

Tra non molti anni si dovranno affrontare i casi di Ichiro, Kershaw e Trout.

  • Il rinnovo del contratto di Mike Trout (424mil$) o il nuovo di Gerritt Cole (324mil$). Ognuno di essi stabilisce un nuovo record – Trout per la più alta media salariale annuale, Cole come lanciatore – ed ognuno probabilmente lo sarà per il prossimo decennio.

 

Ormai i tifosi hanno imparato a conoscere più sui salari dei giocatori che delle loro statistiche.

 

Altri precedenti salari da ricordare?  Probabilmente quello più inappagante di Alex Rodriguez (252mil$).

 

Per trovare altri contratti che all’epoca scandalizzarono i tifosi dobbiamo tornare ai tempi di Babe Ruth che guadagnava più del presidente degli USA e Joe DiMaggio che infranse il muro dei 100milioni. 

Categoria 1b – La squadra furfante 

Secondo Baseball Prospectus, per talento gli Astros sono stati una delle più grandi squadre per percentuale di vittorie sin dal 1950. Ma non hanno vinto le World Series nel 2019 e le loro attuali statistiche sono destinate a passare in secondo ordine sostituite da quelle più avanzate che vedremo negli anni a venire, e non sarà nemmeno una stagione che sopravvivrà alla storia.

 

Il 2019 invece sarà ricordato per come gli Astros furono definiti una squadra di furfanti per aver catturato i segnali degli avversari illegalmente con l’uso della tecnologia.

 

Sarà l’anno in cui uno dei dirigenti ha difeso un suo giocatore condannato per violenza domestica litigando con una giornalista.

 

A parte gli scandali, è fuor di dubbio che gli Astros sono una squadra incredibilmente talentuosa, basti pensare ai soli Verlander e Cole. È una squadra che tutte le altre hanno cercato di imitare e applicare le loro strategie.

 

Molti saranno i libri che scriveranno di loro e della loro incredibile ascesa dal 2011 al 2019, e anche se il 2019 in assoluto non sarà la stagione per cui saranno di più ricordati, sarà un grosso motivo per cui si parlerà di loro

Categoria 1c – Le spettacolari singole giocate o sequenza di giocate fissate nella memoria da foto e video.

Il fuoricampo di Howie Kendrick in Gara 7 delle World Series che ha invertito la direzione della gara da uno svantaggio di un punto a un vantaggio di un punto in favore dei Nationals, è considerata la 10^ più importante valida nella storia del baseball. Ma non è sufficiente per garantire l’immortalità.


La battuta più memorabile è un HR battuto da un quasi sconosciuto Hal Smith nelle WS del 1960. Nell’8° inning Pittsburg è sotto di un punto e l’HR da 3 punti di Smith porta la squadra in vantaggio 9-7.

 

Nel 9° gli Yankees pareggiano ma poi c’è l’altrettanto famoso walk off HR di Bill Mazeroski (ved. l’incredibile racconto di BOTR del 14-11-14). 

 

Frankie Russo

 

Segue

 

Sotto il video dell'HR battuto da Hal Smith nelle WS del 1960

Scrivi commento

Commenti: 0