Power Ranking # 15

di Frankie Russo 

Ranking secondo ESPN

Poche sono state le gare disputate dopo l’ASG ma il ranking conferma i Dodgers nella prima posizione. Interessante si presenta la settimana con gli Yankees che ospiteranno i caldi Rays e i Dodgers che andranno a far visita ai Phillies. Potrebbe essere la volta buona che gli Yankees raggiungono la vetta del ranking?  Intanto i rinati Nationals rientrano nelle Top 10 dopo essere scesi nelle settimane scorse fino alla 23^ posizione e sono rientrati anche nella corsa della Wild Card della NL. Sicuramente vedremo  i Nats sul mercato per qualche rinforzo. Con lo sweep ai danni dei Rockies anche i Dbacks salgono nel ranking di ben 5 posti.  

Altrettanto interessante notare che sei delle prime otto squadre del ranking sono dell’AL e sei delle ultime otto sono anch’esse appartenenti all’AL. Questo ci fa capire quanto sia stretta la competizione nella NL dove ogni striscia positiva, anche di poche gare, può rivoluzione la classifica. Con una più attenta osservazione si può notare che, ad eccezione dei Marlins, ogni squadra della NL ha delle possibilità di qualificarsi per la post season.  Anche i Mets, nonostante le varie crisi che hanno attraversato, inseguono a sole sei gare. Dove c’è chi sale, c’è qualcuno che scende. Gli Indians hanno perso due posizioni  scacciati dalle Top 10 proprio dai Nationals. Altre squadre che hanno perso posizioni sono state i Rockies, i Cardinals e Brewers.


1- LOS ANGELES DODGERS: Record 62-33.

Come se i Dodgers avessero bisogno di aiuto, sono ritornati dalla Lista Infortuni l’interbase Corey Seager, l’esterno centro A.J. Pollock e l’interno David Freeze. Si presenta un problema per il manager Dave Roberts che si trova con troppi buoni giocatori a disposizione. Un problema che molti altri vorrebbero avere.


2- NEW YORK YANKEES: Record 59-32.

Colui che si presenta come il trascinatore nella seconda metà di stagione sembra essere Aaron Judge. Rientrato dalla Lista Infortuni lo scorso 21 giugno, l’esterno destro sta facendo sfracelli al piatto. Nel fine settimana ha appena trascorso in due gare consecutive ha  battuto più di una valida in ogni gara. Quattro delle valide rotolanti realizzate hanno avuto una velocità di impatto con la mazza di oltre 100mph. Battendo 7x11 dopo l’ASG, la MB di Judge è di 636. 


3- MINNESOTA TWINS: Record 58-34.

L’acquisizione di CJ Cron, scaricato frettolosamente dai Rays per ragioni finanziarie, ha avuto un impatto  mostruoso per i Twins. Lo scorso anno il prima base di Minnesota ha realizzato un totale di 17 HR, traguardo già raggiunto quest’anno a metà stagione e in prospettiva di superare quota 30. Fondamentale, però, sarà il rientro dello slugger al più presto dalla Lista Infortuni.


4- HOUSTON ASTROS: Record 59-35.

Gli Astros hanno pareggiato la serie in Texas mentre Yuli Gurriel ha continuato la sua striscia di HR battendo ben 12 nelle ultime 15 gare e incrementando la sua media SLG da 389 a 493. Nel frattempo Justin Verlander, nell’occhio del ciclone dopo le sue dichiarazioni al riguardo delle palline di diversa manifattura, non ha concesso HR domenica portando il suo record a 11-4 con un PGL di 2,98. Nelle  ultime 5 apparizioni Verlander  aveva concesso 12 HR, e per ben tre volte ne aveva concessi tre per gara. 


5- ATLANTA BRAVES: Record 57-37.

La seconda metà di stagione è iniziata nel miglior dei modi per i Braves che hanno spazzato i Padres con i risultati di 5-3, 7-5 in 10 riprese e 4-1. Freddie Freeman, reduce dall’ASG è stato l’eroe domenica con un HR da tre punti nell’ottavo inning mentre Mike Soroka lanciava sette riprese senza punti portando il suo record personale a 10-1 con un PGL a 2,24. In corsa per raggiungere  un totale di 165 inning lanciati pone Soroka in posizione di correre per il titolo di miglior PGL. Da quando è stato abbassato il monte di lancio nel 1969, solo tre lanciatori di 21 anni o meno hanno avuto in PGL inferiore: Dwight Gooden (1,53 nel 1985), Vida Blue (1,82 nel 1971) e il compianto José Fernandez (2,19 nel 2013).

 

Frankie Russo

 

Scrivi commento

Commenti: 0