gio

16

feb

2017

Meno cambiamenti e più spettatori

Nella foto Federico Castagnini (Ripken Stadium di Aberdeen, 20/06/2014) entra in campo accompagnato da un ragazzino
Nella foto Federico Castagnini (Ripken Stadium di Aberdeen, 20/06/2014) entra in campo accompagnato da un ragazzino

di Frankie Russo

libera traduzione da dailyherald.com

Ogni sport si pone lo stesso obiettivo, e quando se ne parla, pare che si scopri l’acqua calda. Vedere più punti segnati e gare più corte. E questo è indiscutibile. Nessun altro sport più del baseball si sta impegnando per apportare cambiamenti;  l’unico grande sport  avvolto da un misterioso fascino per il semplice fatto che non usa l’orologio. Il ritmo rilassato e piacevole che ha reso il gioco così amato per le passate generazioni è ora ciò che gli esperti disprezzano, esperti  che sembrano non avere alcuna connessione di sorta con questo gioco. E quindi null’altro si fa se non parlare del come il baseball debba cambiare per rimanere al passo con i tempi. Tutto questo è assurdo. Non si attirano i giovani al baseball risparmiando 180 secondi di gara con strani cambiamenti. Vien da chiedersi se Rob Manfred stia dando più importanza alle voci dei critici che non si sono mai interessati del baseball, o se è  una sua vera convinzione. Cinque anni fa il tempo medio di una partita era di 2:55. Tre anni fa era di 3:02. L’anno scorso è stato di 3:00. Questo è baseball!

L’idea di prendere lanci e far tirare di più i lanciatori non rappresenta nulla di nuovo. Prima si arriva al bullen, meglio è. Questo concetto è risaputo da oltre 100 anni, non è una invenzione di Theo Epstein (GM dei Chicago Cubs, nda), è solo che egli è più bravo a trovare giocatori in grado di farlo. E quando i suoi giocatori riescono nell’intento, la gara dura di più.

L'esultanza dei Cubs (Matt Slocum/Associated Press)
L'esultanza dei Cubs (Matt Slocum/Associated Press)

Vi sono state forse delle lamentele da parte dei tifosi dei Cubs quando hanno vinto 103 gare l’anno scorso? C’è stato qualcuno che forse è rimasto amareggiato a guardare la loro marcia trionfale verso il titolo delle World Series quando Gara 7 è terminata alle 23:30? 

 

L’intera discussione è una totale sciocchezza, non c’è nulla di sbagliato nel baseball. Non si avvicineranno più giovani al baseball solo con  l’utilizzo di un orologio che regola le visite sul monte, o iniziando gli extra inning con un corridore in seconda, o con gare da sette riprese, o iniziare il conteggio sul battitore sull’1-1, o impedendo le visite sul monte da parte del ricevitore e manager, o limitando il cambio dei lanciatori o cambiando la zona dello strike.

 

A questo punto si potrebbe anche aggiungere che eliminando la zona bassa dello strike si creerà più azione, ma allungherà anche i tempi della partita. Se si vuole accorciare i tempi, allora si dovrebbe allargare la zona dello strike.

 

Il baseball è un gioco meraviglioso. Se si vuole coinvolgere più giovani nel baseball, essi devono presenziare le gare. Se si vuole coinvolgere più giovani nel baseball, essi devono giocare a baseball. Questo è il vero problema. Molti di noi che oggi guardiamo le partite, siamo cresciuti andando allo stadio con i genitori e guardando le partite in TV con i genitori. 

E ci divertivamo inventando diversi modi di giocare, per le strade, al parco, contro il muro o in uno spazio qualsiasi. Tutto questo non si vede più. Se non è una gara organizzata, non si gioca più. 

 

Oggi, per vedere una gara allo stadio, una famiglia media di quattro persone, compreso cibo, parcheggio e quant’altro, spende circa 200$, un costo che non tutti si possono permettere. Il risultato è che i genitori portano i loro figli allo stadio non più di una/due volte l’anno e conseguentemente eliminano di fatto il modo migliore per far appassionare i giovani al baseball.

 

Oggi è tutta una questione di app e cellulari, e qual è la migliore soluzione per permettere ai giovani di usarli se non durante le pause tra un’azione e l’altra? Il tempo tra un lancio e l’altro è perfetto per lo scopo.

 

Eliminare quattro lanci per concedere una base intenzionale non è una soluzione. Ridurre il numero di cambi sul monte non è una soluzione. Risparmiare tre/quattro minuti per gara non è una soluzione.  Il baseball non ha bisogno di soluzioni.

 

Ridurre i prezzi significa far tornare più famiglie allo stadio, e i giovani si appassioneranno. Fare in modo che i giovani giochino, ed essi apprezzeranno il gioco.

Rendere le partite più entusiasmanti, e più giovani vorranno guardare le partite.

 

 

Coloro che veramente amano il baseball, quando non circondati dalle spie dei poteri forti, probabilmente ammetteranno anch’essi che il gioco va bene così com’è e non necessita di tanti cambiamenti. La verità è che se si vogliono coinvolgere più giovani, bisogna fare in modo che essi tornino a giocare, che tornino ad amare ed apprezzare il baseball.

Questa è la vera soluzione.

 

Frankie Russo

 

N.d.r - La foto in homepage ritrae una delle situazioni più frequenti negli stadi di minor league. Un ragazzino accompagna il giocatore sul campo durante la presentazione del lineup. Puntare alle famiglie e al divertimento negli stadi è l'unica strada per far crescere il nostro sport in Italia.

 

Scrivi commento

Commenti: 0

I siti specializzati

La gang degli Atomics

Le società

Dalla scuola al campo

L'Archivista del baseball e del softball

Cerco offro giocatori

Foto da artofbaseball.net
Foto da artofbaseball.net

Sei un atleta e vuoi far conoscere le tue caratteristiche? Mandaci il tuo Curriculum. Sei un Dirigente che cerca un Giocatore/Giocatrice? Vai alla pagina Cerco Offro Giocatori

La Bacheca dei Tecnici

Foto da artofbaseball.net
Foto da artofbaseball.net

Sei un Tecnico e vuoi far conoscere le tue caratteristiche? Mandaci il tuo Curriculum. Sei un Dirigente che cerca un Allenatore e non sai come fare? Vai alla Bacheca dei Tecnici

Studio e sport in USA

Sei interessato/a ad un anno di studio negli Stati Uniti magari praticando il tuo sport preferito? Scrivici! ti possiamo consigliare

Vuoi un sito come Baseball Road?

Ti piacerebbe avere un sito come Baseball On The Road? costruirtelo da solo con pochi passaggi? Non hai pratica di siti internet? Hai già un sito, ma non ti soddisfa? Leggi