I perché del baseball e la cabala del n° 9

di Frankie Russo

libera traduzione da MLB.com

I perché del baseball e la Cabala del # 9

2^ parte - Leggi la 1^ parte

Perché 162 gare?

Al principio la programmazione del calendario era piuttosto facile. Nel 1920 erano otto le squadre in entrambe le Leghe, sia la National sia l‘American e il calendario prevedeva che tutte le squadre s’incontrassero tra di loro 22 volte nel corso del campionato. Da qui 154 gare che durò fino agli anni 60. Nel 1961, nell’AL si aggiunsero i Los Angeles Angels e i Washington Senators. L’anno successivo nella NL s’iscrissero i New York Mets e gli Houston Colts.  All’improvviso il calcolo divenne più complicato, dover disputare 22 gare per un totale di 198 partite comportava un campionato eccessivamente lungo. La MLB allora decise di ridurre a 18 il numero di gare da disputare contro le squadre della stessa lega e si arrivò così a un campionato di 162 gare. 

 

Con l’aumento delle squadre e la formazione delle divisioni, le cose si sono complicate comportando parecchie controversie ancora oggi contese: 76 gare da disputare tra squadre della stessa divisione, 66 contro squadre delle altre divisioni e 20 gare Interleague, formano l’attuale calendario che sicuramente non garantisce equità, ma il baseball è una religione: E’ impossibile trovare l’11° comandamento, quindi, per il momento il numero di gare resta a 162.

Come ha preso la sua forma casa base?  

 

Credeteci o meno, ma inizialmente casa base non aveva la forma odierna.  Prima del ventesimo secolo, qualsiasi oggetto poteva essere utilizzato, fosse esso di metallo, di marmo o anche di vetro, e doveva avere una forma circolare. Oggi grideremmo all’orrore al solo pensiero d’immaginare come si presenterebbe la gamba di un giocatore dopo una scivolata a casa base costituita da uno di quei materiali. 

 

Nel 1885 fu apportata una prima modifica con cui si stabiliva l’uso della gomma (come per la pedana del lanciatore) o, in alternativa il marmo, mentre nel 1887 casa base prese la forma di un quadrato di 12 inch (30,48 cm) conforme alla misura e alla posizione delle altre basi.

 

La soluzione, sicuramente migliorativa, comunque non risolveva tutte le problematiche.  Non era facile valutare un lancio sul bordo essendo esso individuabile in un unico punto. Si pensò allora di girare la base in modo che un lato si presentasse frontalmente alla pedana del lanciatore mentre la parte posteriore assumesse la forma triangolare per accostarla così alla figura di un diamante. 

Perché 60 piedi e sei inch dalla pedana a casa base?

 

Se pensate che è impressionante vedere Aroldis Chapman oggi, provate a immaginare cosa poteva essere nel 1888 quando la pedana era distante 50 piedi (15,24) da casa base, i suoi lanci avrebbero probabilmente toccato le 125mph.

 

In principio la distanza era un concetto imprecisato, importante era che il lanciatore rimanesse in un quadrato il cui lato anteriore era distante 45 piedi da casa base, simile al cricket, ma a differenza il lanciatore non poteva tirare in corsa.

 

Tutto sembrava funzionare bene fino al 1880 quando Lee Richmond lanciò la prima perfect game della storia seguita a distanza di cinque giorni da un’altra da parte di John Ward. I due risultati, insieme a un PGL irrazionale di 2,93 nella National League, fecero intendere che era necessario una correzione.

 

Negli anni successivi, gradatamente la pedana fu spostata prima fino a 50 piedi, e poi a 55,5. L’entrata in vigore del lancio da sopramano nel 1884 continuò a penalizzare lo spettacolo per la mancanza di punti segnati per cui la pedana fu spostata ulteriormente fino a raggiungere i 60 piedi e 6 inch, distanza che sopravvive fino ai nostri giorni.

 

Segue

 

Frankie Russo

 

Causa attacco spam da un sito straniero siamo costretti ad attivare la moderazione nei commenti. Ci scusiamo del disagio e vi preghiamo di inserire comunque il vostro commento. Sarà online al più presto.

Scrivi commento

Commenti: 0

Vorrei partecipare a Torneo!

I siti specializzati

La gang degli Atomics

Le società

Dalla scuola al campo

L'Archivista del baseball e del softball

Cerco offro giocatori

Foto da artofbaseball.net
Foto da artofbaseball.net

Sei un atleta e vuoi far conoscere le tue caratteristiche? Mandaci il tuo Curriculum. Sei un Dirigente che cerca un Giocatore/Giocatrice? Vai alla pagina Cerco Offro Giocatori

La Bacheca dei Tecnici

Foto da artofbaseball.net
Foto da artofbaseball.net

Sei un Tecnico e vuoi far conoscere le tue caratteristiche? Mandaci il tuo Curriculum. Sei un Dirigente che cerca un Allenatore e non sai come fare? Vai alla Bacheca dei Tecnici

Studio e sport in USA

Sei interessato/a ad un anno di studio negli Stati Uniti magari praticando il tuo sport preferito? Scrivici! ti possiamo consigliare

Vuoi un sito come Baseball Road?

Ti piacerebbe avere un sito come Baseball On The Road? costruirtelo da solo con pochi passaggi? Non hai pratica di siti internet? Hai già un sito, ma non ti soddisfa? Leggi