La Postseason, cosa è successo: 20/10/2016

Terry Francona si congratula con Ryan Merritt il rookie alla seconda apparizione da partente in MLB (THE CANADIAN PRESS/Frank Gunn)
Terry Francona si congratula con Ryan Merritt il rookie alla seconda apparizione da partente in MLB (THE CANADIAN PRESS/Frank Gunn)

di Frankie Russo

Due squadre unite nella strategia, divise nel risultato.  Gli Indians hanno mandato sul monte un lanciatore che aveva una sola apparizione nelle majors come partente. I Dodgers si sono affidati al più giovane lanciatore che abbia mai debuttato nei playoff. I Cleveland Indians vanno alle World Series per la prima volta dal 1997. I Dodgers di Julio Urias, invece, hanno avuto la sfortuna di incontrare sulla loro strada il risveglio dell’attacco dei Chicago Cubs  che con la vittoria per 10-2, si sono portati sul 2-2  nella  Serie. 

INDIANS@ BLUE JAYS

 

I Cleveland Indians,  un modello di squadra che presto sarà un modello per tutte le altre,   tornano alle World Series per la prima volta dal 1997. E l'obiettivo lo hanno raggiunto in modo meno usuale, gestendo il bullpen e la rotazione tenuta insieme da punti di sutura, nel vero senso della parola, e guidati alla perfezione da un geniale manager  quale è Terry Francona. 

Nella foto Andrew Miller (Frank Gunn/The Canadian Press via AP)
Nella foto Andrew Miller (Frank Gunn/The Canadian Press via AP)

Andrew Miller

Ha dominato ancora la scena eliminando 8 battitori con solo 21 lanci. Miller è stato nominato MVP dell’ALCS e su questo non c’erano dubbi. Miller è salito sul gradino più alto del palcoscenico delle LCS lanciando 7,2 riprese con 14 strikeout.

 

 

Ryan Merritt (foto in home)

Anche se tutti i riflettori erano puntati su Miller, meriti vanno riconosciuti al rookie partente Ryan Meritt, sconosciuto ai più, ma non alla franchigia di Cleveland.

 

In precedenza aveva affrontato solo 37 battitori nelle majors  provocando Jose Bautista a dichiarare che Merritt non sarebbe stato in grado di controllare le emozioni nell’affrontare il potente lineup di Toronto. I fatti hanno dimostrato il contrario con  Merritt che ha dominato per 4,1 riprese, concedendo solo due valide. Dopo la seconda di Donaldson nel quinto, Francona era soddisfatto. Era abbastanza. Merritt aveva fatto più di quanto si sarebbe aspettato e consegnava la palla ai rilievi a cominciare da Bryan Shaw.  

 

Il bullpen

Ancora una volta il bullpen ha protetto il vantaggio. Le rimanenti 4,2 riprese sono state prese in carico da Shaw (1,0), Miller (2,2 ) e Allen (1) che ha chiuso il nono concedendo solo una valida. Durante la postseason, il bullpen di Cleveland ha lanciato 31,1 inning concedendo solo 6 punti guadagnati con un PGL di 1,65.

Nella foto Jose Bautista
Nella foto Jose Bautista

Jose Bautista

Ha forse giocato la sua ultima gara con la casacca dei Blue Jays. Sia lui che Encarnacion saranno free agent a fine stagione e potrebbe significare la fine di un’era. 

 

Il roster è ancora molto valido con una solida rotazione, Liriano potrebbe prendere il posto di R.A. Dickey, mentre l’attacco avrà bisogno di rafforzarsi se dovessero perdere uno o entrambi i due slugger.

 

 

CUBS @ DODGERS

 

La perseveranza: I Cubs hanno dovuto affrontare il primo vero banco di prova di questa stagione 2016. Una sconfitta in Gara 4 sarebbe stato devastante. Era uno dei momenti più tesi da affrontare sin dalle NLCS del 2003 quando lo “Steve Bartman play” cambiò la loro storia. I Cubs affrontavano questa gara con un attacco in crisi, 21 riprese, 82 battitori al piatto senza segnare punti. Ma poi c’è stato ………

Nella foto Addison Russell dopo il fuoricampo (AP Photo/Jae C. Hong)
Nella foto Addison Russell dopo il fuoricampo (AP Photo/Jae C. Hong)

Il risveglio

Nel giro di nove lanci, all’improvviso tutto è cambiato quando nel quarto inning Ben Zobrist è arrivato in base con una smorzata a sorpresa per poi segnare su un errore di tiro di Toles, solo uno dei sei errori commessi dalla difesa dei Dodgers che hanno portato ancora a ulteriori gravi conseguenze più tardi nella gara.

 

Intanto critiche erano piovute su Joe Maddon per tenere ancora nel lineup Addison Russell che aveva battuto una sola valida nella serie e che era stato sostituito la sera prima. Era una gara che i Cubs non potevano perdere. Nessuno più di Russell aveva bisogno di una scossa. Dopo l’errore di Toles, con i Cubs in vantaggio per 2-0, un corridore in base, Russell ha spedito la fastball di Urias oltre la recinzione a destra per altri due punti.  Era solo l’inizio.

Nella foto Anthony Rizzo  (David J. Phillip / Associated Press)
Nella foto Anthony Rizzo (David J. Phillip / Associated Press)

L’altro dal quale ci si aspettava il risveglio era Anthony Rizzo, MB .071 con 9 strike out in 28 turni alla battuta.

 

Nel quinto inning, sostituendo la mazza con quella del compagno Matt Szczur, è finita la crisi quando colpendo forte ha realizzato un fuoricampo.

 

Nel sesto ha battuto una valida che ha portato a casa due punti, e dopo essere andato 2x26 in sette gare della postseason, ieri sera ha finito con un promettente 3x5.

 

Era ciò di cui i Cubs avevano bisogno, 10 punti e 11 valide in sei inning dopo aver battuto sei valide realizzando zero punti nelle precedenti 18 riprese. 

 

 

Home Plate Replay.

Nella seconda ripresa si  verifica una delle più controverse chiamate arbitrali quando Adrian Gonzales, correndo dalla seconda su valida di Toles, è stato chiamato out a casa base. L’impressione che si è avuta anche dagli schermi a casa, è che la mano di Gonzales in scivolata testa avanti avesse sfiorato il piatto prima della toccata di Contreras.  Dave Roberts ha richiesto il replay, ma gli studi di New York, sorprendentemente,  tra lo sdegno e delusione totale del dugout di Los Angeles, hanno confermato la decisione del contestatissimo Angel Hernandez.  E pensare che hanno introdotto il replay per eliminare gli errori! 

 

Little League

Nel sesto si è assistito a quello che potremmo definire azione da Little League con la difesa dei Dodgers. Dopo l’inversione di chiamata sull’arrivo di Zobrist in prima, Baez batte corto al centro dove Peterson cattura in tuffo per poi effettuare un tiro oltre la testa del ricevitore. Luis Avilan in copertura raccoglie e tira a casa nell’intento di eliminare Rizzo al piatto, ma la palla finisce al seconda base Utley.

 

Su un’eliminazione al volo i Cubs hanno segnato 2 punti fissando il punteggio sul 10-2.

Nella foto Kenta Maeda (dodgersnation.com)
Nella foto Kenta Maeda (dodgersnation.com)

La speranza è l’ultima a morire. La sonante vittoria per 10- 2 in Gara 4 della NLCS ha risvegliato le speranze dei Cubs che erano ad un bivio. Con la Serie pari 2-2, adesso possono vedere la luce fuori dal tunnel.

 

Non dovranno incontrare Clayton Kershaw se non in Gara 6 a Chicago. In Gara 5 potranno schierare il loro asso Jon Lester contro il poco affidabile Kenta Maeda.

 

In Gara 6 la grande sfida sarà tra Kershaw e Kyle Hendricks. Se necessario, Gara 7 vedrà Jake Arrieta contro Rich Hill. The show will go on!

 

 

Joe Maddon

Questa è una squadra in cui Joe Maddon ha sempre creduto. Maddon è anche considerato uno dei migliori manager nell’arte della comunicazione e nell’incentivazione con i suoi innovativi e unici metodi.

 

La squadra che ti porta a questo punto è generalmente quella che dovrà portare a termine l’obiettivo. A questo livello, i giocatori, anche se in crisi, non devono cambiare il loro modo di essere o di  giocare, cambiare può solo creare confusione. Molti credono che bisogna intervenire con teorie che finiscono solo per creare caos di ogni genere.

 

In queste situazioni Maddon preferisce semplificare, ed è questo l’approccio che ha con i suoi giocatori: Rendere tutto più SEMPLICE.  E’ il suo modo di pensare, e ancora una volta sembra dargli ragione. 

 

Frankie Russo

 

Scrivi commento

Commenti: 0

Vorrei partecipare a Torneo!

I siti specializzati

La gang degli Atomics

Le società

Dalla scuola al campo

L'Archivista del baseball e del softball

Cerco offro giocatori

Foto da artofbaseball.net
Foto da artofbaseball.net

Sei un atleta e vuoi far conoscere le tue caratteristiche? Mandaci il tuo Curriculum. Sei un Dirigente che cerca un Giocatore/Giocatrice? Vai alla pagina Cerco Offro Giocatori

La Bacheca dei Tecnici

Foto da artofbaseball.net
Foto da artofbaseball.net

Sei un Tecnico e vuoi far conoscere le tue caratteristiche? Mandaci il tuo Curriculum. Sei un Dirigente che cerca un Allenatore e non sai come fare? Vai alla Bacheca dei Tecnici

Studio e sport in USA

Sei interessato/a ad un anno di studio negli Stati Uniti magari praticando il tuo sport preferito? Scrivici! ti possiamo consigliare

Vuoi un sito come Baseball Road?

Ti piacerebbe avere un sito come Baseball On The Road? costruirtelo da solo con pochi passaggi? Non hai pratica di siti internet? Hai già un sito, ma non ti soddisfa? Leggi