Tutti vogliono qualcosa

di Paolo Castagnini

Cari amici con l'arrivo dell'estate e per trovare qualche pausa dai campi di baseball/softball assolati, immersi nell'aria condizionata di un cinema oggi vi consiglio un film, non propriamente di baseball, ma comunque ambientato in un college americano dove il protagonista è una nuova recluta della squadra di baseball. Film divertente e promosso dalla critica sia americana che italiana. Eccovi la presentazione e alcune recensioni. Il film è in programmazione in questi giorni.

Tutti vogliono qualcosa - Richard Linklater - Da commingson.it

Nel 1980 Jake Bradford si trasferisce al college e prende possesso di un'abitazione insieme ai suoi compagni della squadra di baseball universitaria. Tra cameratismi e qualche conflitto interno al gruppo, tra notti folli alla perenne ricerca di conquiste femminili, Jake inizia un percorso di crescita che lo porterà anche a trovare l'amore.

Maurizio Porro - Il corriere della sera: Un critico ha scritto a ragione che Tutti vogliono qualcosa, lo straordinario film di Richard Linklater pare Porky's diretto da Rohmer: un' educazione sentimentale all'università da parte di un gruppo di matricole, primi anni '80 (...) Dialogo portentoso e attori che vivono e fanno ascoltare i battiti del cuore e il sudore del lancio (...)

 

Fabio Ferzetti - Il Messaggero: Anche se naturalmente dietro ogni film d'epoca c'è sempre il presente e tutta questa nostalgia per un' età così innocente (età storica oltre che anagrafica) riesce a essere un insieme esilarante e commovente. Non uscite prima dei titoli di coda, forse la cosa più bella del film.

 

Maurizio Acerbi - il Giornale: Linklater, dopo Boyhood, dimostra di essere un regista tre spanne sopra la media. Il suo è un film nostalgico che elabora il Carpe Diem in un contesto competitivo e in una cornice Porky's, ma alta. Un capolavoro.

 

Roberto Nepoti - la Repubblica: Il cinquantacinquenne regista ricostruisce bene quelli che furono i "suoi" anni; più nell'atmosfera, però (fondamentale il ruolo della colonna musicale), che nella lettera. Non cede agli stereotipi del genere, ma tratta le situazioni topiche (la ricerca delle ragazze, la competizione sportiva, le bevute...) con un'attitudine affettuosa e beffarda insieme. E mette bene in mostra il complesso mix tra le dinamiche dell'integrazione nel gruppo (la "popolarità") e lo spiccato individualismo dei giovani (soprattutto) statunitensi. 

 

Ecco il trailer

 

Scrivi commento

Commenti: 0

Vorrei partecipare a Torneo!

I siti specializzati

La gang degli Atomics

Le società

Dalla scuola al campo

L'Archivista del baseball e del softball

Cerco offro giocatori

Foto da artofbaseball.net
Foto da artofbaseball.net

Sei un atleta e vuoi far conoscere le tue caratteristiche? Mandaci il tuo Curriculum. Sei un Dirigente che cerca un Giocatore/Giocatrice? Vai alla pagina Cerco Offro Giocatori

La Bacheca dei Tecnici

Foto da artofbaseball.net
Foto da artofbaseball.net

Sei un Tecnico e vuoi far conoscere le tue caratteristiche? Mandaci il tuo Curriculum. Sei un Dirigente che cerca un Allenatore e non sai come fare? Vai alla Bacheca dei Tecnici

Studio e sport in USA

Sei interessato/a ad un anno di studio negli Stati Uniti magari praticando il tuo sport preferito? Scrivici! ti possiamo consigliare

Vuoi un sito come Baseball Road?

Ti piacerebbe avere un sito come Baseball On The Road? costruirtelo da solo con pochi passaggi? Non hai pratica di siti internet? Hai già un sito, ma non ti soddisfa? Leggi