_________________________________ La battaglia di Anthony Rizzo

Antony Rizzo in battuta con la casacca dei Cubs (Tasos Katopodis/Getty Images North America)
Antony Rizzo in battuta con la casacca dei Cubs (Tasos Katopodis/Getty Images North America)

di Paolo Castagnini

In questi giorni ha destato particolare emozione la storia di Niccolò Biscontri che con coraggio assieme alla sua ragazza, ai suoi amici e ai suoi famigliari ha deciso di affrontare a testa alta la sua malattia diventando nello stesso tempo testimonial dell'Associazione donatori midollo osseo. C'è un altro atleta italiano che ha combattuto e vinto la sua battaglia contro la malattia. Il suo nome è Nicolò Dalla Casa, ha 17 anni e gioca negli Alligators Ravenna. Nicolò ha combattuto la sua battaglia e l'ha vinta ed ora pensa al suo ritorno sul diamante.

Clicca sull'immagine per ingrandire l'articolo che racconta la storia di Nicolò Dalla Casa
Clicca sull'immagine per ingrandire l'articolo che racconta la storia di Nicolò Dalla Casa

"E' stato un anno difficile", racconta Nicolò Dalla Casa, "ora rivoglio la mia vita".

Chissà quanti di questi esempi abbiamo vicino a noi.

Tra di loro c'è anche un grande campione e che tra l'altro ha vestito la casacca della Nazionale Italiana al World Baseball Classic.

Anthony Rizzo è il Prima base dei Chicago Cubs e questa è la sua storia raccontata da lui stesso e tradotta dal nostro solito Frankie Russo.

Vogliamo che gli esempi di Niccolò Biscontri, Nicolò Dalla Casa e Anthony Rizzo possano dare una grande forza a tutti nell'affrontare qualsiasi ostacolo della vita 


La storia di Anthony Rizzo

(Traduzione di Frankie Russo)


Alcuni già sapranno della mia storia, ma per coloro che non la conoscessero, ve la voglio raccontare.

 

Da bambino ho sempre sognato di diventare un giocatore di baseball. Nel 2007, all’età di 17 anni, fui selezionato dall’organizzazione dei Boston Red Sox quando frequentavo ancora il liceo. Nel 2008, all’età di 18 anni ebbe inizio la mia carriera come giocatore professionistico a Greenville, nella Carolina del Sud. Giocavo in Singolo A quando il mio sogno ebbe una brusca battuta d’arresto. Mi fu diagnosticato il Linfoma di Hodgkin. Fu uno shock!

 

Mi sottoposi a sei mesi di chemioterapia e furono momenti molto difficili per la mia famiglia in quanto, nello stesso tempo, anche mia nonna stava combattendo un cancro ai polmoni.  Per quanto stavo male, non mi sono mai arreso. Dovevo essere forte per incoraggiare tutti quelli che mi erano vicini. Mi resi conto che per quanto fosse difficile per me, era ancora più problematico per la mia famiglia. Credo che non sia il singolo individuo a lottare contro il cancro, ma è la famiglia intera. E così, con l’aiuto della famiglia, degli amici e dell’organizzazione dei Boston Red Sox, il 2 settembre 2008 il mio medico curante, Dott. Izidore Lossos, mi comunicò una notizia meravigliosa: “Ero in via di guarigione”. Dovevo sottopormi ancora a sei settimane di trattamenti e altre approfondite analisi ma finalmente, il 18 novembre 2008, il Dott. Lossos mi disse: “Potrai vivere una vita normale”.

 

A quel punto capii che dovevo essere da esempio per aiutare gli altri malati e le loro famiglie.  Da lì, nel 2012, nacque l’Anthony Rizzo Family Foundation. E’ un’organizzazione senza scopo di lucro finalizzata alla ricerca contro il cancro e a supporto delle famiglie che lottano contro questa malattia. Vi ringrazio per la vostra vicinanza e il vostro sostegno, e ringrazio tutti quelli che vorranno mettere i piedi nel box di battuta per lottare contro il cancro.

 

Siate Forti e Abbiate Fede

 

Anthony Rizzo # 44

 

Prima Base dei Chicago Cubs

 

Clicca sulla foto a fianco per entrare nel sito di Anthony

 

 

 

 

 

 

Qui sotto il video di Anthony Rizzo (clicca sulla foto)

 

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Maverick (giovedì, 12 febbraio 2015 18:16)

    Questa storia di Antony Rizzo non la conoscevo. Già tifavo per i CUBS, un motivo in più per farlo ancora !

  • #2

    Attilio Casadio (giovedì, 12 febbraio 2015 19:28)

    Non conoscevo la storia di Rizzo, ma ho seguito quella di Nicolò Della Casa e sono immensamente felice per lui e la sua famiglia. Auguro a Nicolò Biscontri che vinca questa battaglia e di poterlo rivedere in campo al più presto. FORZA NICOLO'!!!!!!
    Un forte abbraccio e un in bocca al lupo Nicolò della Casa, continuerò a seguirti e a tifare per te !!!
    Attilio