________________________________ Chi ha detto che non si fa?

Nella foto il manager degli Astros Porter consegna il guanto da esterno al lanciatore Tony Sipp
Nella foto il manager degli Astros Porter consegna il guanto da esterno al lanciatore Tony Sipp

di Frankie Russo

Lunedì 9 Giugno, nel corso dell’ottavo inning tra gli Arizona Diamondbacks e gli Houston Astros, Bo Porter manager di questi ultimi, si reca sul monte per una visita, ma oltre a chiamare il bullpen per un nuovo rilievo, porta con sé un guanto da esterno. Per chi? Per il lanciatore Tony Sipp che ha appena mandato kappa l’avversario. Invece di mandarlo in panchina, lo schiera all’esterno destro facendo affrontare il battitore destro dal lanciatore destro Jerome Williams che concede una base su ball allo slugger Paul Goldschmidt. Quindi di nuovo un cambio sul monte con Sipp che torna per affrontare il mancino Miguel Montero che va kappa. Nuovo cambio sul monte, ma questa volta Sipp finalmente trova la via della dug out e viene sostituito da Kyle Farnsworth che chiude l’inning. Gli Astros vincono la gara per 4-3.

“Avevo già parlato in precedenza con Tony”, racconta Porter. “Volevo essere sicuro che portasse sempre con sé il guanto da esterno. L’ho visto durante il BP e mi è sembrato che avesse abbastanza dimestichezza nel prendere le palle al volo.”

 

La strategia è stata dettata dal fatto che Porter, a corto di rilievi, non voleva impiegare il suo rilievo lungo nell’ottavo inning temendo la possibilità di andare agli extra e rimanere in tal modo scoperto.

 

Nelle Minors, Sipp ha solo lanciato, non avendo giocato in nessun’altra posizione.

 

“Quando ero al College,” racconta Sipp, “ ho giocato qualche volta all’esterno, ma pensavo che ormai fosse solo un lontano ricordo. Ma quando giochi nella National League, ti puoi aspettare di tutto.”

 

Bello anche il video dove tutti sembrano divertirsi! Il baseball è anche questo!

 

Condividi!

 

Scrivi commento

Commenti: 0