________________________________ Il baseball su "Nuove Direzioni"

La copertina di Nuove Direzioni del N° 16/2013
La copertina di Nuove Direzioni del N° 16/2013

di Michele Dodde

Nuove Direzioni è una pubblicazione di nicchia, non in vendita, ed è edita dall’omonima Associazione Nazionale e cura rubriche di Arte, Itinerari, Racconti, Scienza e Salute, Società, Scienza e Ricerca e quant’altro possa interessare il cittadino e viaggiatore. 

Accattivante nel formato, il numero 16, luglio-agosto 2013, avrà ora nella biblioteca degli appassionati un posto privilegiato perché, dopo aver richiamato l’attenzione del lettore con una splendida foto di una ricevitrice della mitica squadra di softball Fiorini Forli, da pag. 32 e via sino a pag. 40 parla di baseball, o meglio ancora “La mia vita per il Baseball” di Lauro Bassani giocatore, allenatore, fotografo e padre di Alex Bassani, talentuoso giovane lanciatore. Personalmente non lo conosco ma oggi lo sento come un fratello ritrovato: per prima cosa come fratello di baseball, poi se si vuole, di casa base, di guanto, di mazza, di palla, di diamante ed infine fratello di camper poiché camperista come chi scrive.

Lauro Bassani ripreso dallo scatto di Franco Bagattini
Lauro Bassani ripreso dallo scatto di Franco Bagattini

Il suo racconto è lo specchio di tutti noi appassionati del gioco antico che ora sono un po’ over e per tale motivo è piacevole leggere questa storia che ben delinea come la disciplina, anche per Lauro, sia stata maestra di vita. D’altra parte ben lo sa chi scrive che coniò il motto “Se vuoi conoscere la vita, gioca a Softball” in occasione della 32^ European Cup Women che si svolse a Legnano nel 2009 volendo in sintesi evidenziare come sia il baseball sia il softball siano discipline perfette che vanno oltre al momento del gioco giocato.

 

Infatti come ben precisa Lauro: …“nel calcio, basket, volley è la palla che segna il punto, nel baseball è l’uomo”… qualificando di fatto che questa è la vera caratterizzazione o meglio il senso compiuto del gioco che personalizza il tutto: e pluribus unum (da molti, uno), o meglio l’uomo che unico, pur tra molti, deve riuscire nell’impresa di completare la sua corsa sulle base e giungere salvo all’immaginifica casa base.

 

Un articolo da leggere dunque per la sua semplicità narrativa del trascorrere la vita accanto ad un diamante senza ricercare momenti ambiziosi ma solo per il piacere di esserci. L’andare poi in giro con il camper e dormire accanto ai diamanti inebriandosi del profumo dell’erba rasa, come fa Lauro Bassani, è indiscutibilmente il massimo dei piaceri. Ma solo chi ama il plein air sa di queste cose.

 

Condividi questo bella nota su Lauro Bassani scritta dalla magica penna di Michele Dodde

 

Scrivi commento

Commenti: 0