________________________________ Chris, difendi la tua casa base!

Christopher era un buon atleta, giocava bene a calcio nella sua città, in Australia. Ma era un’altra la sua passione. Il baseball. I suoi genitori lo amavano, e come tutti i genitori del mondo, sono disposti ad ogni cosa pur di soddisfare la passione di Chris.

I costi di un College negli Stati Uniti sono molto alti, ma Christopher è bravo. Gioca bene. Un ricevitore, un ruolo difficile, per ragazzi intelligenti e fisicamente forti. L’allenatore della East Central University lo vede e gli offre una borsa di studio. Ada a 85 miglia da Duncan nello stato dell’Oklahoma è una piccola comunità. Sarah la sua fidanzata lo segue. Quella sera erano rimasti assieme, avevano fatto chissà quali progetti.

 

A pochi passi da li, tre ragazzi annoiati. Non sapevano che fare. I video giochi non li soddisfano più. Molto meglio qualche cosa di reale. Facciamo il tiro a segno. Uno di loro ha una pistola calibro 22.

 

Chris esce di casa e va a correre. Vuole essere pronto per la stagione all’università. Sarà il suo ultimo anno, poi chissà. Forse il draft della MLB, forse il ritorno a casa.  Corre Chris, corre, ma Chancey ,  James  e Michael lo hanno scelto per combattere la noia. Allora lo seguono e così, tanto per fare gli sparano alla schiena. Poi se ne vanno a parcheggiare e a scegliere il prossimo bersaglio, così per vincere la noia. La prossima settimana dovranno tornare a scuola,… la scuola.

 

In quella scuola non ci torneranno più, ma non saranno più annoiati. Avranno dell’altro a cui pensare. Il loro tempo finisce qui. Anche per Christopher il tempo finisce qui.

La sua scelta di lasciare il suo paese, l’Australia, assieme alla sua fidanzata Sarah con la quale solo pochi minuti prima aveva sognato il suo futuro. I suoi genitori che avevano fatto tutto per il loro figlio, così come fanno tutti i genitori.

 

Nella sua Australia, nella piccola società di baseball dove era cresciuto è stata posta una palla da baseball sul piatto. Quel piatto di casa base che Chris aveva difeso tante volte.

 

Ciao Chris, la tua storia ha lacerato il cuore dei tuoi cari e di milioni di persone che come te amano la vita.

 

Ora da lassù puoi difendere la tua casa base.

 

Paolo Castagnini

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    terzabase (mercoledì, 21 agosto 2013 17:18)

    veramente commovente.