________________________________ La mano del morto - Marshall e i banditi del Far West - 3^ parte

Quest’oggi non piove e nonostante una leggera umidità, il clima autunnale è piacevole. Bat mi stava aspettando all’esterno della sua Country house, seduto pigramente su una magnifica Poang in bambù, cappello da sceriffo e sigaro in bocca. - Ciao John, è già un ora che sono fuori ed è meglio che io entri, sai l’età ha le sue esigenze.

Dopo che ci fummo accomodati davanti al solito caminetto che sarebbe stato acceso più tardi Bat mi disse: ti devo fare una domanda John: Ti piace giocare a Poker? Si risposi, ebbene se sei un discreto giocatore e hai in mano una coppia di Assi neri e un paio di Otto neri, pronto a scartare la quinta carta, come si chiama quella mano? 

Bè non saprei dissi, forse doppia coppia. - Si effettivamente è un doppia coppia, ma ha un nome particolare quella combinazione, è ” la mano del morto”. Mi incuriosisce la definizione dissi e vorrei saperne di più. Certamente!, riguarda James Butler Hickok nato nel 1837, a Troy Grove, nell’Illinois, noto come Wild Bill Hickok. Molto famoso come uno dei più importanti pistoleri del West, ebbe una vita avventurosa e diede un aiuto alle forze antischiaviste nel Kansas. Fu anche conducente di diligenze. Durante la guerra civile collaborò in incognito per l’esercito dell’Unione. Si dice che nella sua vita, sempre per legittima difesa, uccise più di cento pistoleros. Ultimamente era lo sceriffo di Hays City (Kansas) e maresciallo di Abilene (nelle contee di Taylor e Jones, nel Texas. Nella sua vita privata fu legato sentimentalmente a Martha Jane, più nota come “Calamity Jane”,di cui ti parlerò più avanti.

 

Ritornando ora alla leggenda” della mano del morto” devi sapere caro John che durante una partita di poker, giocata nel 1876 nel Saloon N°66 di  Deadwood (Sud Dakota), fu ucciso da un certo Jack McCall (si disse per vecchi rancori.) che gli sparò alle spalle. Di consuetudine Bill Hickoh giocava con le spalle rivolte verso il muro per proteggersi da eventuali attentati, ma quel giorno girava le spalle verso la porta del locale del Saloon e nel cadere inerme sul tavolo da gioco nella mano aveva quella combinazione di carte. L’assassino fu poi processato e condannato all’impiccagione.

Una storia interessante in quel mondo di violenza, dissi. - Si, l’uccisione, di un uomo che aiutò il West a ripulirsi di assassini e banditi gestendo la Legge con” Ironhanded.”

 

Bene! mi  disse Bat e ora se mi permetti bevo un goccio di Whisky e aspetto sempre che tu mi faccia compagnia. Vedi Bath, non è per contraddirti, ma io sono un italiano del Nord e nelle mie vena scorre sangue friulano. Be cosa significa? Significa molto risposi, perché io preferisco come bevanda alcolica la grappa. Ma basta dirlo! Si alzò molto lentamente e da un ripostiglio di un armadio posto a lato del caminetto, tra decine di bottiglie, ne prese una e me la porse. Meraviglia delle meraviglie, l’etichetta era inconfondibile “Grappa friulana 40°, distilleria RIGONAT Roberto, RUDA,(UD), Italia. Ma è impossibile! come fai a possederla? Caro Johon, non dimenticare che negli Stati Uniti gli Italiani sono molti e tra questi ci sono anche friulani, miei amici e compagni di bevute.

 

Bat, perché non mi racconti di Calamity Jane? - Era la presunta amante di Bill Hickok. Ora che abbiamo caricato la batteria (come disse un famoso Pitcher dei Twins degli anni 30 del secolo scorso, rivolgendosi al proprio Cachter, dopo una lunga sorsata di Whisky, proseguiamo l’incontro e ti parlerò di Lei.


Il suo vero nome era Martha Jane Cannary e nacque nel Missuri a Princeton,in Mercery County il 1°maggio 1852.Fu un americana “frontierswoman” e professionalmente esploratrice, combattendo nativi americani. Il suo soprannome le fu dato dal Capitano Egan, perché durante una battaglia contro ribelli Pellerossa, le salvò la vita, afferrandola al volo mentre stava cadendo da cavallo e sicura morte nelle mani dei Pellirosse e fu una "calamità". Da piccola affrontò la vita con diversi lavori per sostenere la sua  numerosa famiglia, poi il suo forte carattere la dirottò su occupazioni molto dure e più adatte a figure maschili. Calamity Jane era coriacea come un maschio e divenne anche conduttrice di diligenze e nel 1874 trovò lavoro come scout a Fort D.A.  Russell( Wyoming) avamposto per sconfiggere i più temuti banditi.

 

Era analfabeta e condusse sempre la sua vita all’aperto nel mondo dell’avventura sulle Grandi Pianure. Fu anche proprietaria di un ranch a ovest di Miles City, nel Montana e contrasse matrimonio con un texano, un certo Clinton Burke da cui ebbe una figlia. Nel 1893, iniziò ad apparire in Buffalo Bill Show Wild West  uno spettacolo circense in cui venivano ricreate rappresentazioni western. Ma il suo stato di salute peggiorò, minata dall’alcol che aveva iniziato a bere sin dalla giovane età.

Morì il 1 agosto del 1903. Fu sepolta al Mount Moriah Cemetery (South Dakota) accanto a Wild Bill Hickok. Caro Bat, sono senza parole dopo aver ascoltato la vita di questa donna che ha rappresentato una pagina della storia del West. - E’ vero fu una grande donna, coraggiosa e anche di cuore verso i più deboli, qualunque fossero. Certo aveva un carattere rude ed era temuta sia da banditi, pistoleros e indiani. Ora come di consueto ti debbo congedare e ti aspetto domani. Penso che il tempo volga al peggio , allora accenderemo il caminetto e brinderemo assieme così ti racconterò nuove avventure.

 

TERZABASE

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    giùrgett (mercoledì, 19 dicembre 2012 20:37)

    Complimenti sempre molto belli i tuoi racconti !!!
    Ne aspetto altri.
    Ciao
    Giorgio