________________________________ Un'idea per riempire gli stadi

Il logo della Pastime baseball League
Il logo della Pastime baseball League

Ecco un argomento di sicuro interesse per tutti gli appassionati del nostro sport. Il pubblico non accorre più presso i nostri stadi e le tribune spesso rimangono desolatamente vuote. E' vero anche che in Italia l'evento sportivo che non sia di altissimo richiamo è in forte crisi, qualsiasi sport si tratti. E' altrettanto vero che così non è nella patria del baseball e cioè negli USA.

In questi giorni molti addetti ai lavori avranno ricevuto, magari attraverso facebook, alcuni messaggi di questo tipo:

"ATTENZIONE !!!!!!!

A TUTTI I MIEI CONTATTI E AI CONTATTI DEI MIEI CONTATTI.....A BREVE,METTERÒ UN PROGETTO RIGUARDANTE L'ANIMAZIONE DEGLI STADI DA BASEBALL E DA SOFTBALL, SU UNA PIATTAFORMA ITALIANA DI CROWDFUNDING....PASSATEPAROLA X FINANZIARE IL PROGETTO ....LO SI PUÒ FARE CON QUALSIASI CIFRA ...VI INFORMERÒ X TEMPO QUANDO USCIRÀ ...CHI VUOLE CHIARIMENTI PUÒ CONTATTARMI...

.A PRESTO .. .INSIEME RIUSCIREMO A RIEMPIRE GLI STADI"

 

A scrivere questi messaggi è Flavia Ciliberto che per chi non la conosce è la mamma di Alex Liddi. Chi invece conosce Flavia saprà che quando crede in una cosa, pochi riescono a fermarla. L'entusiasmo con cui porta avanti le iniziative è molto contagioso.

Baseball On The Road ha pensato di intervistare Flavia per capirne qualche cosa di più rispetto ai suoi messaggi un po' criptici.

 

Flavia stai innondando di messaggi tutti gli amici di facebook per annunciare un tuo progetto. Di cosa si tratta?

La mia idea parte da un ragionamento: Negli Stati Uniti le gente va allo stadio per due motivi: guardare la partita e mangiare e bere. In Italia invece non è così e quindi ci dobbiamo inventare qualcos'altro.

 

Ok di questo siamo d'accordo e quindi che cosa hai pensato di fare?

L'idea è quella di portare la gente allo stadio, non tanto per la partita, ma per qualcos'altro. Lo stadio come punto di aggregazione.

 

Si, hai ragione, devo dire però che anche negli Stati Uniti si usano dei metodi per far divertire la gente che sono al di fuori della partita.

E' vero, ma non tanto per portare la gente quanto per far divertire quelli che ci sono e che comunque verrebbero lo stesso. La mia idea è quella di organizzare una serie di eventi che coinvolgano le famiglie, papà, mamme, figli, nonni. Insomma creare un qualcosa che possa essere un richiamo molto forte.

 

Bene, inizio a capire e per fare questo come pensi di organizzare il progetto?

Innanzitutto è necessario coinvolgere i club di IBL1, per poi passare alla costituzione di un gruppo di lavoro formato da persone esperte in animazione che possano portare questi eventi in giro per gli stadi.

 

Flavia, questa idea dovrà essere finanziata e di questi tempi......

Qui sta il cuore di questo intervento. Ho presentato il progetto a Eppelauna piattaforma di crowdfunding: un punto d’incontro tra chi ha idee da realizzare e chi desidera sostenere la realizzazione di progetti di qualsiasi settore e sto aspettando la risposta, ma non dovrebbero esserci problemi.

 

Quindi in sostanza è una raccolta di fondi

Si, ma non una raccolta alla cieca. Eppela garantisce sulla serietà del progetto che, per andare in porto, deve ottenere la cifra stabilita in tempi dichiarati fin dall'inizio. Se non si arriva al traguardo il progetto si dichiara fallito e nessuno dovrà sborsare un solo centesimo.

 

L'ostacolo più grande?

Convincere le società di IBL1 sulla bontà di questa idea e per ottenere questo confido sull'aiuto della Federazione.

 

Allora attendiamo gli sviluppi! Nel frattempo ci potresti dire il nome del progetto e lo slogan con cui hai pensato di proporlo? 

Certamente! si chiama "PROGETTO IN 3 D" che significa:

Diventa protagonista con 9 inning Di Divertimento" 

  1. Animazione e spettacolo
  2. Formazione gruppi di lavoro autonomi
  3. Creazione punti di aggregazione x le famiglie

 

Ora è tutto più chiaro. Grazie Flavia!

Grazie a te e a tutti gli amici di Baseball On The Road

 

Per maggiori chiarimenti su Eppela questo è il link

Scrivi commento

Commenti: 5
  • #1

    TERZABASE (martedì, 20 novembre 2012 16:43)

    Condivido questo progetto, ma vorrei far presente che nemmeno nel nostro mondo del gioco del calcio non si riesce a creare un atmosfera di aggregazione e partecipazione in modo che ogni manifestazione sportiva sia una festa.Il grande progetto è di educare i tifosi al rispetto dell'avversario e degli arbitri.Quando i nostri stadi di calcio saranno all'inglese, senza barriere in campo come è nel baseball, allora forse potremo sperare.E' difficile convincere gli sportivi italiani ad assistere a una gara come fosse una gita di fine settimana fuori porta.Però proviamoci, ma tutti e quando dico tutti intendo anche le massime sfere. TERZABASE

  • #2

    Flavia (lunedì, 26 novembre 2012 13:35)

    OTTIMO !!!

  • #3

    dave (sabato, 01 dicembre 2012 12:14)

    Bel progetto ma il nome lascia molto a desiderare.poco chiaro anche il messaggio di Facebook.dovresti già aprire una pagina Fb sul progetto e linkarla nel messaggio.magari cambiare il nome :)

  • #4

    Marco (sabato, 01 dicembre 2012 14:06)

    L'idea può essere un buon punto d'inizio. Io proporrei anche di rendere le dirette Rai più coinvolgenti perché adesso è da piangere!!

  • #5

    Enzo (sabato, 01 dicembre 2012 17:42)

    Flavia, hai fatto centro. E' un problema comune per molti di conciliare la propria passione sportiva con il bisogno di trascorrere tempo con la propria famiglia. Facendo convergere spettacolo sportivo e animazioni per piccoli e grandi in uno stesso luogo si crea l'occasione di interazioni sociali che rendono l'esperienza piu' completa. Il baseball, con il suo ritmo cadenzato e le sue pause, si presta benissimo a questi fini.