________________________________ Anna Battigelli, allenare con il sorriso

Intervista di Paolo Castagnini a Anna Battigelli

 

In questo preciso momento che sto scrivendo, Anna si trova a 12.000 metri d'altitudine sull'aereo che sta riportando il gruppo di ragazze di ritorno in Italia.

Anna ha aderito all'ultimo momento all'invito di prendere in mano questo gruppo e portarlo in campo al Torneo di Binghamton. Conoscevo Anna perché la incontravo in ogni Convention e riunione dove si parlasse di Tecnica di Softball o di Baseball. Anna è una ragazza sempre sorridente e così è rimasta anche qui negli Stati Uniti gestendo un gruppo di ragazze che conosceva solo marginalmente. Anna Battigelli è coach della squadra Nazionale U19 a fianco di Luigi Soldi, oltre che collaboratrice del Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia.

Il sorriso di Anna è la sua forza. Senza alzare la voce o alterarsi questa allenatrice sa come farsi ascoltare forte anche della sua esperienza come educatrice. Anna infatti è insegnante di Scuola Media. Le sue materie sono Matematica e Fisica in Inglese,

 

Anna ho capito bene, non sei insegnante di Inglese?

No, insegno oltre la matematica anche Fisica in lingua inglese, un mio progetto appoggiato dal Preside e dai Genitori.

 

Anna Battigelli è Laureata in Geofisica all'Università di Trieste e ha un Master ottenuto a Londra, in Inghilterra. Ama il suo lavoro come nient'altro ci racconta.

 

Anna, come hai iniziato a giocare? a 12 anni a Ronchi dei Legionari tutti i ragazzi e le ragazze provano il softball/baseball e così ho fatto anch'io. Poi ho subito un infortunio serio a scuola che mi ha tenuto per molti anni lontano dallo sport agonistico. Il seme di questo sport era però entrato dentro di me e quindi sono ritornata in pista all'età di 30 anni anche se comunque non avevo mai lasciato l'ambiente aiutando nella società di Ronchi con bambini e bambine.

 

Quindi a 30 anni ricominci. Si ho ricominciato a giocare ad Azzano alternando campionati di A2 e di A1 ed inoltre collaboravo con Adriano Morabito allenando le giovanili.

 

Che rapporto hai avuto con Morabito? Ottimo! da Adriano ho imparato molto e mi sono anche divertita. I suoi allenamenti erano sempre interessanti.

 

Ho visto che qui a New York eri interessata a tutto. Si ho approfittato di una mattinata libera per fare una puntata al Museo di Scienze e di Storia Natuale, il più importante al mondo, è un posto spettacolare che consiglio a tutti.

 

Le altre tue passioni? Il softball, il baseball, i viaggi e poi leggere. Leggo di tutto sia in Italiano che in Inglese.

 

Un autore preferito? Ken Follet.

 

Un ricordo che ti ha segnato profondamente nella tua esperienza sportiva?

Ero al Torneo di Collecchio e stavo allenando una squadra di Cadette, quando ad un certo punto una mia ragazza colpì la palla talmente forte da mandarla oltre la recinzione, un Homerun. Ricordo di aver pianto sul campo dalla gioia.

 

Sei venuta con noi di Baseball On The Road qui negli Stati Uniti, come vedi questa iniziativa?

Un'esperienza fantastica! sia umana che professionale. Mi sono trovata benissimo sia con le ragazze che con lo staff. Una cosa che ripeterei subito!

 

Vuoi dire qualche cosa al mondo del softball italiano?

Dovremmo avere più proposte di questo tipo, più iniziative come queste, perché sono queste cose che danno grande motivazione alle ragazze che vi partecipano.

 

Grazie Anna!

 

 

Scrivi commento

Commenti: 11
  • #1

    Flavia (sabato, 14 luglio 2012 13:50)

    Grande la piccola creatura sempre col sorriso!!!

  • #2

    Francesca (sabato, 14 luglio 2012 15:29)

    Averne persone cosi'!!!!

  • #3

    Luigi (sabato, 14 luglio 2012 18:03)

    Indubbiamente una persona positiva che lascerà un segna nelle nostre ragazze. Grazie Anna

  • #4

    Giulia (sabato, 14 luglio 2012 21:19)

    Grande Anna.
    Grazie mille per tutto quello che hai fatto per noi ragazze! :)

  • #5

    francesco (sabato, 14 luglio 2012 21:45)

    GRAZIE di cuore, speriamo ci siano altre occasioni per rivederci, su un bel campo da gioco.Come ho detto ad altri genitori, per poter approfittare di queste occasioni di crescita, principalmente umane, ancorchè sportive, bisogna anche essere disposti a guardare oltre il "nostro naso" ed "orticello" . BaseballOnTheRoad potrà essere una "chiave" per aprire nuovi orizzonti.

  • #6

    ITALIAN UMPIRE (domenica, 15 luglio 2012 19:14)

    Tanti Sorrisi e qualche strillo al momento giusto. E' questa la forza di Anna !!!

  • #7

    Anna Battigelli (lunedì, 16 luglio 2012 22:47)

    Grazie...sono rimasta senza parole..mi avete fatto emozionare :-)

  • #8

    Roberto (martedì, 17 luglio 2012)

    Si si, è lei, la riconosco! Grande Anna, the best!

  • #9

    Irene (martedì, 17 luglio 2012 16:39)

    Brava Anna! così almeno ci facciamo conoscere in giro. Ce ne fossero di occasioni come queste :)

  • #10

    Dree (martedì, 17 luglio 2012 17:55)

    Grande Anna!

  • #11

    Davide (martedì, 17 luglio 2012 23:22)

    Like