________________________________ Dalla Sicilia all'America per una grande esperienza

 

A Paternò, nella calda Sicilia viveva un piccolo giocatore di baseball. Era talmente piccolo che i lanciatori avevano difficoltà a centrare l'area dello strike. Ma c'era un'altra difficoltà da superare per questi lanciatori, questo battitore oltre ad essere piccolo era pure mancino!

 

Potrebbe iniziare così una storia su Diego Botta, ma la storia non è mica inventata, anzi è più che reale. Diego è quello che si può dire nato "sotto il monte di lancio". Si perché papà Nunzio è uno dei fondatori della Società Warriors Paternò.

Nunzio Botta, giocatore degli anni settanta e fondatore della società del Catanese.

Diego così come altri figli d'arte ha mosso i primi passi proprio sul diamante e con l'aiuto di papà, girare la mazza, lanciare e prendere è stato naturale.

 

Diego, raccontami i tuoi primi passi nel baseball:

Nel mio primo campionato (anno 2003 categoria Ragazzi), il 90% dei miei arrivi in base erano perché colpito dal lancio del lanciatore. Sono mancino e nessun lanciatore di quel campionato riusciva a tirare bene ad un piccolo battitore mancino. La cosa mi infastidiva molto perché dopo ogni partita tornavo a casa pieno di lividi e con molta paura ad entrare nel box di battuta.

 

I tuoi migliori ricordi?

Nel 2003 il mio primo campionato ufficiale nella categoria Ragazzi e nel 2010 la partecipazione con la nazionale Cadetti agli Europei in Olanda.

 

Raccontami di te:

Sono nato il 5 Maggio del 1995. In famiglia siamo in 4 : i miei genitori, Nunzio e Gabriella, poi ci sono io e mio fratello Alessandro di 12 anni.

 

Cosa ti piace leggere e guardare?

Mi piacciono i libri d'avventura. Amo l’ Hip Hop, la musica dance ed elettronica in generale, ma anche un po’ di rock americano duro. Da malato di Baseball, seguo soprattutto ESPN America. Vado matto anche per i documentari, film horror, di azione vari e fantastici come quelli dei supereroi. Quando vado al cinema cerco di guardare gli stessi generi che mi piace vedere in tv, ma spesso guardo quello che decidiamo insieme ai miei amici.

 

I tuoi hobby oltre al baseball?

Mi piacciono gli animali e andare per i boschi.

 

Ti sei rivolto a Baseball On The Road per andare in America, perché?

Ho scelto di andare in America per perfezionare il mio inglese, per fare da solo un'esperienza all'estero, per crescere a livello scolastico e sociale, e per conoscere lo stile di vita, gli usi e i costumi di una nazione all'avanguardia nel mondo, ma anche per giocare ad un buon livello agonistico di baseball nel paese dove il baseball è al più alto livello al mondo.

 

Complimenti Diego, hai dei grandi obiettivi sia come giocatore che soprattutto come uomo! Un'ultima domanda. Da Agosto sarai in USA. Dove andrai e in quale scuola?

TUCKER HIGH SCHOOL ad Atlanta, Georgia.

 

Perfetto! giocherai nei Tigers, in bocca al lupo allora per la tua avventura!

Scrivi commento

Commenti: 4
  • #1

    Davide#25 (lunedì, 18 giugno 2012 22:42)

    Forza Diego!

  • #2

    Lorena (martedì, 19 giugno 2012 23:46)

    Grande Diegooooo...

  • #3

    osservatore (domenica, 24 maggio 2015 11:25)

    ...ma non si chiamava Diego ???

  • #4

    Paolo Castagnini (domenica, 24 maggio 2015 13:19)

    Grazie osservatore!
    Mi era sfuggito un Davide al posto di Diego. Spero che ora vada bene.