_________________________________ Il grande incontro degli insetti

Una favola di TERZABASE

Vorrei presentare questa ultima favola di Giovanni Delneri (nome d'arte TERZABASE) - Tutti dovete sapere che dietro c'è un lavoro di ricerca che dura moltissimo. Giovanni è un appassionato di Scienze (conosce gl insetti molto bene. I loro nomi infatti sono tutti veri), di Storia Americana e naturalmente di Baseball. Oggi è domenica e pertanto gustatevi con calma questo racconto che poi alla fine vi dico l'ultima cosa. Buona lettura e un sentito GRAZIE a TERZABASE.

Paolo Castagnini

L’OLIMPIC STADYUM” L AMPYRIDAE FIELD” è illuminato a giorno da mille lucciole, in una notte dove la luna di mezzo quarto era presente e, perciò la coreografia delle piccole lanterne, creava uno scenario inedito, accompagnato dal canto di mille grilli e dal suono delle cicale. Iniziò così il tanto discusso incontro tra glj INSETTI.

 

Lo stato scelto fu la GEORGIA, presso la città di MACON, (dove giocano in Lega minore i PINETOPPERS MACCON dello Stato della Pesca), ma il luogo prescelto dagli insetti fu un po’ appartato, verso PERRY, (su questo territorio verso il 1800 era occupato dagli Indiani CREEK). Luogo ideale per una corretta gara, su quel meraviglioso territorio USA, ma la diatriba nacque sull’ammettere i partecipanti.

 

Prima si pensò a diversi tipi di insetti, poi la cosa fu impossibile, perché erano presenti anche comunità aggressive e radiate, come “ IL PUNTERUOLO ROSSO” vero Killer delle Palme in Florida,”LE VESPE ASSASSINE dell’OREGON”, LE PULCI,(squalificate per doppi salti irregolari sulle basi), LE CAVALLETTE (tranne una di cui ne parleremo poi) perché quando si ammassano sono pestifere, le aggressive FORMICHE ROSSE (più adatte per il Football) e così via nell’infinito mondo degli insetti poco pacifici. Così si decise all’unanimità che i contendenti fossero gli “STECCHI”, appartenenti all’ordine dei Fasmidi e le “CICALE”, appartenenti all’ordine Rhynchota, molto attive e più estroverse degli STECCHI.

 

Si scelse l’ UMPAIA CAPO” fuori dall’ambito degli insetti, (per dare più caratura all’incontro) ”LA BIG TARTARUGA HERMANN (ordine dei rettili)”, mentre per gli arbitri di base si decise di scegliere fra gli insetti tre farfalle giganti “ATTACUS ATLAS” che con le loro enormi aperture alari potevano sorvegliare dall’alto tutte le azioni del gioco. L’unico pericolo poteva avvenire da incursioni di Pipistrelli (ordine dei CHIROTTERI), ma questo non era possibile, perché erano bloccati presso la base aerea a “DIEGO GARCIA nell’Oceano Indiano” con ordine codice rosso da parte della NATO.

 

Ore 9 PM e tutto pronto per il grande evento. Ospiti d’onore in tribuna, vecchie nostre conoscenze: sua MAESTA’ LA FORMICA con la fedele compagna Jenny, l’APE REGINA con la sua scouts, la CAVALLETTA GRESY, LA CICALA Kelly e il suo autista di Parigi “Lo Stecco.” Vengono annunciati gli ordini di battuta, dallo “speaker” il GRILLO PARLANTE, Sig.ENSIFERI.

 

Entrò la Banda degli Imenotteri Sinfiti che suonò l’Inno, cantato dalla splendida Coleottera Coccinella; lo stadio era colmo e le zampe erano tutte sul cuore. Al termine dell’Inno un boato degli insetti, la partita stava per iniziare. Il Pitcher partente per le Cicale era Emittero, che il pubblico salutò con un urlo dopo che lo speaker scandì il suo nome.

Squadre sorteggiate :ospitanti STECCHI------visitor CICALE

 

E’ Playball

 

Primo inning: La temibile CICADIDE shortstop degli Cicale batte una lunga volata a destra che viene raccolta non senza difficoltà da PHASMODEA. Prima battuta e prima emozione. Secondo inning :MAGICICADA batte un doppio e si porta pericolosamente in zona punto per Cicale; nulla di fatto. Zero a zero alla fine del secondo inning.

 

Terzo inning:

Base su ball a CICAMIDE, base su ball a MAGICICADA, e hit by pich, battitore colpito LYRISTES; basi piene per le Cicale. E un solo out. Si presenta EUKARYOTA; la sua battuta si perde tra il centro e il destro. Un grande slam e quattro punti alle Cicale.

 

Quarto inning:

nulla di fatto

 

Quinto inning:

Altro punto delle Cicale e così STECCHI 0 CICALE 5

 

Sesto inning:

Arriva il primo punto per gli Stecchi su volata di sacrificio di CLONOPIS .G.(STECCHI 1 CICALE 5)

 

Settimo inning:

nulla di fatto

 

Ottavo innning:

Fuori campo di OMENOTTERO e il punteggio ora è ( STECCHI 1 –CICALE 6 ).

Gli Stecchi iniziano il penultimo attacco con BACULUM.A. che va in base per ball; il maneger delle Cicale chiama tempo e sale sul monte EMITTERO. Arriva PHASMA. Ora con un po’di fortuna riempiono le basi. Per gli Stecchi si schiera in battuta BACILLUS.

Ora forse è l’ultima possibilità per loro. I fans sono tutti in piedi, ci credono. Grande fuori campo sulle tribune dietro l’esterno sinistro (Stecchi 5 - Cicale 6).

 

Nono inning:

Lo Stecco NEANIDE è in battuta, grounded out sulla terza e primo out.

E’ la volta dello Stecco PAUROMETABOLI, ma è eliminato, secondo out.

Lo Stecco FASMIDE, è l’ultima speranza e non delude, la palla sale per perdersi tra il verde del centro campo, oltre il recinto, strepitoso HR (Stecchi 6 –Cicale 6).

TEMPI SUPPLEMENTARI

 

dal 10° al 15° nulla di fatto.

 

Sedicesimo inning:

Sale sul monte per gli Stecchi COVEN SUB. un mito; RHYNCHOTA delle Cicale viene messo strike out guardato; EUMETA ZOA strike out sventolato, e HOMOPTERA , Fly out sull’esterno centro.

Alla battuta gli STECCHI, ma COVEN SUB, CLONOPSIS G e BACULUM A.,sono out.

 

Diciasettesimo inning:

Per gli Stecchi, sul monte COVEN SUB. Primo in battuta per le Cicale HOMOPTERA ed è out in prima. Il maneger delle Cicale inserisce HEXAPODA come pinch itter.

I pubblico è tutto per COVEN SUB, il quale non delude facendo battere una rimbalzante a CICLADIDE e mettendo un K memorabile a FASMOIDE.

Gli Stecchi in attacco ci provano ,ma sono uno, due, tre out in fila e si và al 18°.

 

Diciottesimo inning:

Sul monte per gli Stecchi va ancora COVEN SUB, INSECTA arriva salva in prima su errore di tiro dello Stecco CLONOPSIS G

Ora gli Stecchi all’attacco è COVEN SUB delle Cicale in battuta, ma va” strike out”, ora nel box si presenta il giovane Stecco FASMOIDE e batte un favoloso fuori campo.

 

La partita è finita e gli STECCHI l’hanno vinta dopo 5 ore e 50 minuti.

Tripudio di gioia tra tutti gli insetti, vinti e vincitori per una battaglia infinita nel nome del vero Sport.

 

Ormai le luci delle Lucciole si erano affievolite sotto i primi raggi dorati del sole e si involarono nel cielo ormai fattosi azzurro 50 LIBELLULE COMANCHE, che dall’alto assunsero l’aspetto di un enorme bandiera degli STAI UNITI D’AMERICA.

Convenevoli poco di rito, ma molto all’americana, tra gli ospiti d’onore e dove lo STECCO autista, promise alla Cicala KELLY, che l’avrebbe riportata a Parigi a proprie spese, a suonare e danzare al” Moulin Roge”

E accarezzati da una breve e leggera brezza, cominciammo a sentire quel clima subtropicale umido che caratterizza il luogo e che induce finalmente a un po’ di meritato riposo.

 

P.S. Mi squilla il cellulare ed è il Topo di campagna, che saputo del fatto, mi avvisa che per l’autunno ci saranno le WORD SERIES 2012 degli animali della campagna e del bosco. Località da sorteggiare, così come le specie.

 

TERZABASE

 

Nota finale:

I più attenti lettori avranno capito che la favola di TERZABASE si ispira alla  partita giocata tra Atlanta Braves e Houston Astros di Domenica 9 Ottobre 2005 Vincendo quella partita gli Astros passarono il turno dei Play-off, ma non arrivarono alla finale perché furono sconfitti dai Chicago White Sox. Questa partita però è ricordata per una delle più belle di tutte le post season giocate in MLB e la più lunga in assoluto. Durò infatti 5 ore e 50 minuti. 23 Giocatori usati dagli Astros e 19 dai Braves e 553 lanci effettuati dai lanciatori. Ma la pagina più bella la scrissero questi due campioni, uno al suo ultimo anno di Major League e l'altro al suo esordio.

 

TERZABASE mi ha fatto un bello scherzo e ha riproposto la stessa partita che io avevo romanzato da vero dilettante. Qui il mio racconto.

 

Grazie Giovanni della sorpresa.

 

Paolo Castagnini

Scrivi commento

Commenti: 3
  • #1

    Remo (lunedì, 11 giugno 2012 15:17)

    Impareggiabile scenografia.
    L'altro giorno Chiara (5 anni e 1/2), guardando in TV alcune scene di baseball, ha visto frantumarsi una pallina in battuta e mi ha chiesto:
    "Se capita a me cosa faccio ?".
    Non ho saputo rispondergli, cosa mi consigli ?
    Abbraccione.

  • #2

    Pinucita (mercoledì, 13 giugno 2012 18:25)


    Formidabile, e ancora complimenti,
    non ci sono altre parole per dirti
    che sei un fenomeno, bellissima storia.

  • #3

    TERZABASE (sabato, 11 agosto 2012 09:15)

    battuta annullata e vorrei precisare che se vi siete accorti l'arbitro controlla le palline che colpiscono la terra rossa in zona faul presso il ricevitore e facendo ciò controlla se le cuciture sono danneggiate e le sostituisce.Questo inconveniente potrebbe causare la rottura della pallina e riportarci al quesito sopra citato.